Blog: significato, cos’è, struttura e caratteristiche (Guida 2020)

Curioso di scoprire il significato del termine blog? Leggi questo articolo per capire la definizione, la storia e la struttura di un blog.

Leggi di più

Avrai sentito sicuramente il termine “blog” o “weblog” e starai probabilmente pensando:

“Cos’è un blog? Qual è il significato del termine blog? A cosa serve?”

Se non lo sai, allora sei arrivato nel posto giusto. 

All’inizio, un blog era più che altro un diario personale che la gente condivideva online, e risale al 1994. In questo diario online, si poteva parlare della propria vita quotidiana o condividere le cose che si fanno.

Con l’evoluzione di internet, la gente vedeva l’opportunità di comunicare qualsiasi informazione in un modo nuovo.

Così è iniziato il bellissimo mondo dei blog.

Qual è il significato del termine blog

Un blog è molto simile a un sito web. 

Se parliamo del termine stretto della parola blog, esso deriva da web-log, cioè un “diario online” o “diario elettronico” dove vengono pubblicati frequentemente nuovi contenuti mostrati in ordine cronologico inverso, con gli ultimi post che appaiono per primi.

È una piattaforma dove uno scrittore o anche un gruppo di scrittori condividono le loro opinioni su un singolo argomento.

La base di un blog sono i post.

I blog post possono contenere contenuti (ovviamente!), video, immagini, elenchi puntati, titoli diversi e così via… e sono tipicamente scritti in uno stile informale o conversazionale.

Spesso i blog post sono scritti con l’obiettivo di attirare i lettori e raggiungere una sorta di obiettivo, sia che si tratti di costruire una comunità o di far crescere un’azienda.

I blog (e i blog post) possono essere condivisi sui social network (Twitter, FaceBook, ecc) e le persone possono lasciare commenti sotto i blog post per iniziare conversazioni significative.

Quando il tuo blog ha abbastanza post e comincia a diventare popolare, inizierai a ricevere traffico da altri siti, social network e persino dai motori di ricerca.

I blog possono essere privati, ma la maggior parte di essi sono disponibili su internet per gli altri.

I blog hanno alcuni argomenti.

L’argomento del mio blog è “blogging” e “come iniziarne uno” – sto aiutando i principianti a creare un blog, a ricevere più visitatori e molto altro ancora… Ma può anche avere diversi altri argomenti.

I blogger di solito sono appassionati di un argomento specifico e quindi ne creano uno.

Molto probabilmente si leggono i blog ogni giorno senza nemmeno rendersene conto. In questo momento sei sul mio blog.

Anche i principali siti web come Forbes, BuzzFeed e CNN sono tutti blog.

Classifica blog più famosi del 2019

  1. The Huffington Post: www.huffingtonpost.it
  2. Engadget: www.engadget.com
  3. Moz: www.moz.com
  4. Techcrunch: www.techcrunch.com
  5. Mashable: www.mashable.com
  6. Copyblogger: www.copyblogger.com
  7. Perez Hilton: www.perezhilton.com
  8. Gizmodo: www.gizmodo.com
  9. Smashing Magazine: www.smashingmagazine.com
  10. Tuts+: www.tutsplus.com

Cos’è un blog: storia

blog significato

Non ufficialmente, il primo blog è stato realizzato da Justin Hall (links.net) nel 1994.

All’epoca, nessuno conosceva la parola “blog” o “weblog”. In realtà, la proprietà web di Justin era più o meno un semplice sito web, ma sembrava un blog.

Postava regolarmente (e lo fa ancora!) sulle “cose” che trovava su internet ed era una sorta di “diario personale”.

Il termine “weblog” è stato annunciato per la prima volta (ufficialmente) nel 1997 da Jorn Barger.

Nel 1999, il weblog è stato abbreviato in blog. A questo punto, alcune persone (che avevano computer e accesso a internet) hanno iniziato a bloggare, ma non era affatto popolare…

Poi, nel 2003, i blog sono cambiati per sempre… Perché? Nel momento in cui due ragazzi del college hanno sviluppato ed offerto una piattaforma gratuita: WordPress.

Molte persone l’hanno trovata utile (me compreso) perché è davvero facile da installare, mantenere e utilizzare. Oltre il 75% dei blog utilizza la piattaforma di blogging WordPress.

Nel 2007, il micro-blogging è emerso con la nascita di Twitter e la lunghezza ideale dei post del blog all’epoca era di circa 300-400 parole.

Nel 2016 WordPress ha aperto l’estensione del dominio .blog, consolidando la popolarità del blogging in modo significativo.

Eccoci quindi al 2020, con circa 70 milioni di nuovi post pubblicati ogni mese su WordPress.

E anche se il blogger medio passa circa tre ore e mezza a scrivere un post di 1.500 parole, il suo pubblico passa solo 37 secondi a leggerlo.

Anche se è una statistica apparentemente triste, ci sono certamente modi in cui i blogger possono aumentare il tempo di lettura di 37 secondi.

Ma non è questo il punto centrale del nostro argomento di oggi…

Cos’è un blog: struttura di navigazione e caratteristiche

L’aspetto dei blog è cambiato nel tempo, ma la maggior parte dei blog includono alcune caratteristiche standard. 

Qui ci sono le caratteristiche comuni che un blog tipico include:

  • Intestazione con logo del sito e il menu
  • Area principale dei contenuti con i post evidenziati o gli ultimi post del blog
  • Barra laterale (o sidebar) con i profili sociali, i contenuti preferiti o la call-to-action (CTA)
  • Footer con i relativi link, come un disclaimer, l’informativa sulla privacy, la pagina dei contatti, ecc.

Questi elementi sono tipici praticamente di qualsiasi sito web. 

Cos’è un blog: struttura della pagina di un blog

Ogni post blog è suddivisa in sezioni – che non devono mai mancare – che aiutano il lettore nella lettura del contenuto..

Nello specifico sarà necessario che sia presente una sezione principale con il post e i commenti.

La sezione principale comprende di solito:

  • titolo (dovrà risultare ben visibile)
  • sottotitolo (che riassume l’argomento di cui si parlerà)
  • data di pubblicazione
  • immagine in evidenza
  • post
  • tag e categorie
  • box biografia dell’autore
  • area commenti (comprende il form per inviare un commento)

Cos’è un blog: a cosa serve

I blog sono realizzati e utilizzati per diversi motivi:

  1. Per esprimersi
  2. Per fornire informazioni e notizie preziose ad altre persone su Internet
  3. Per fare soldi (Sì, alcune persone stanno facendo un sacco di soldi con i blog)
  4. Autopromozione
  5. Per entrare in contatto con persone che la pensano allo stesso modo
  6. Per acquisire conoscenze
  7. Per trovare un lavoro migliore
  8. Mostrare la tua autorità nel tuo settore e di costruirti un marchio.
  9. Migliorare le capacità di scrittura
  10. ecc…

Lo scopo principale di un blog è quello di metterti in contatto con il pubblico di riferimento. 

Più i tuoi post sul blog sono frequenti e migliori, maggiori sono le possibilità che il tuo sito web venga scoperto e visitato dal tuo pubblico di riferimento.

Il che significa che un blog è un efficace strumento di generazione di lead.

Aggiungi un grande invito all’azione (CTA), e convertirà il traffico del tuo sito web in lead di alta qualità. 

Ora tocca a te…

Come hai potuto constatare, il termine blog si è evoluto nel tempo, trasformandosi da un semplice diario personale ad uno stile di comunicazione vero e proprio.

Quando sarai pronto, vai al mio tutorial per principianti su come creare un blog in 15 minuti. Ti guiderò attraverso ogni passo che dovrai fare per avviare un blog di successo da zero.

Se hai trovato utile questo post, lasciami un commento nella sezione commenti!

P.S. Ti sarei grato se condividessi questo post con altri, in modo che anche loro possano leggerlo! Grazie mille per il tuo sostegno!

Buon blog! Ci vediamo nel prossimo post!

– Riccardo

TIENITI AGGIORNATO! ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER.

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.


Leave a Reply