Come aprire un blog di cucina in 8 passi (Guida 2020)

Guida passo dopo passo per avviare un blog di cucina di successo. Trova suggerimenti sul design di un food blog, sul web hosting, sul SEO e altri dettagli tecnici.
  • 3
    Shares
Come aprire un blog di cucina

Vuoi aprire un blog di cucina ma non sai da dove cominciare? 

So quanto può essere frustrante avere a che fare con un mucchio di cose tecniche quando in realtà vuoi solo creare un blog per condividere le tue strepitose ricette.

Sia che tu voglia avviare un blog di cucina, sia che tu voglia diventare un food blogger di grande successo, spero che questi miei consigli possano aiutarti a risolvere i tuoi problemi tecnici.

Pronto ad avviare il tuo bel blog di cucina? Perfetto, hai fondamentalmente due opzioni:

  1. Assumere un web designer che lo faccia per te -.I servizi personalizzati di solito costano migliaia di euro, ma sono è certamente un’opzione se hai soldi da spendere. Assicurati sempre di chiedere referenze prima di firmare l’assegno. 
  2. Farlo tu stesso – Di seguito ti spiegherò come costruire il tuo blog di cucina su WordPress autogestito. Ti costerà solo 5,99 euro al mese per l’hosting, più il costo di un tema (da gratuito fino a 130 euro). Ho costruito questo sito da solo utilizzando gli strumenti forniti di seguito, quindi so che puoi farlo anche tu!

Crea il tuo blog di cucina: i passi fondamentali

Ecco i passi fondamentali per creare un blog WordPress autogestito che sia bello e funzionale.

Il tuo food blog avrà il tuo nome dominio e il tuo look distintivo, e sarà in grado di scalare con te man mano che il tuo blog cresce. 

Quando stai creando un blog, ti consiglio di seguire questi passi per avere più possibilità di successo come blogger di cucina:

  1. Fase di ricerca: scegliere il giusto argomento per il tuo blog di cucina – Prima di iniziare a pensare di fare soldi o cose del genere con il tuo blog, è necessario essere davvero forti sul proprio argomento e sul proprio brand. → Costo: lavoro e tempo!
  2. Dare un nome al tuo blog e comprare un nome dominio equivalente – I nomi di dominio sono brevi, memorabili e tipicamente terminano con .com (tuofoodblog.com), ma va bene anche l’estensione .it. → Costo: gratuito con Siteground o circa 15 euro all’anno altrove.
  3. Trovare un web hosting affidabile – Un web hosting memorizza il tuo sito web e lo rende accessibile al mondo del web. In altre parole, il tuo sito web “vive” sui server del tuo web host. → Costo: € 5,99 al mese e oltre.
  4. Scegliere una piattaforma di blogging come WordPress – WordPress è il miglior software di blogging del settore. → Costo: gratuito!
  5. Installare un tema WordPress Il tema WordPress determinerà l’aspetto, la percezione e la funzionalità del tuo sito web. → Costo: gratuito a € 130.
  6. Installare i giusti plugin WordPress I plugin WordPress estendono le funzionalità di WordPress in molte aree. Ad esempio, uno dei miei plugin gratuiti consigliati per WordPress aiuta a prevenire i commenti di spam. → Costo: gratuito, per lo più!
  7. Impostare gli strumenti di Google Google offre strumenti e servizi inestimabili per il tuo lavoro come Google Analytics, Google Search Console e Feedburner. → Costo: gratuito!
  8. Iniziare a bloggare – Pubblica le tue ricette, le tue storie e le tue foto. → Costo: duro lavoro e molto tempo!

Step #1 – Fase di ricerca: scegliere il giusto argomento per il tuo blog di cucina

Quando si pensa di aprire un blog si vuole davvero conoscere intimamente il proprio argomento.

Man mano che i blog diventano sempre più popolari, è più improbabile che si veda un grande successo con i blog “general topic” che si concentrano su molte cose diverse.

Quello che sembra andare molto bene sono i blog che hanno un angolo di nicchia unico.

Ancora meglio è quando si combina quell’angolo unico con una storia e un percorso personale. È allora che si comincia ad entrare in un territorio di branding concreto e solido.

La cosa principale che ti vuoi chiedere in questa fase è: come posso essere diverso dagli altri?

Pensa a cose come:

  • Cosa amo del cibo?
  • Quali sono i miei punti di forza e le mie debolezze?
  • Quali sono i blog che mi ispirano e come posso essere migliore/differente da loro?
  • Come posso aiutare il mio target di riferimento?
  • Qual è l’obiettivo finale di questo blog?

Prima di iniziare a pensare di fare soldi con il proprio blog (cose del genere)è necessario essere davvero forti sul proprio argomento e sul proprio brand. Questo tipo di domande renderà i tuoi progressi a lungo termine nel blogging molto più facili, perché avrai delle guide a cui fare riferimento.

Ricorda Рnon ̬ necessario essere completamente programmati per iniziare. Alcuni obiettivi e idee approssimative sono sufficienti in questa fase.

Certo, sarebbe bello avere un intero business plan, budget di marketing e branding pronti a partire, ma, di solito, gli affari non funzionano così. A volte è importante iniziare e imparare in corsa.

Step #2: Dare un nome al tuo blog e comprare un nome dominio equivalente

Una volta deciso cosa scrivere sul tuo blog, devi crearlo. 

Per prima cosa hai bisogno di un nome. Trovare un nome per il tuo blog di cucina potrebbe essere un compito abbastanza difficile.

Puoi iniziare a fare brainstorming elencando le parole che descrivono il tuo stile di cucina, il tuo stile di vita, il tuo background, ecc.

Ci sono tantissimi fantastici nomi che non sono ancora stati presi, te lo assicuro! 

Caratteristiche di un nome ideale per un blog: 

  • Descrittivo
  • Memorabile
  • Breve
  • Facile da scrivere

Una volta che avrai in mente alcuni potenziali nomi per il tuo blog, dovrai verificare la loro disponibilità.

Nota – Non ricorrere ai trattini o ad altri segni di punteggiatura per farlo funzionare (sono troppo difficili da ricordare).

Utilizza NameChape per vedere se il tuo nome di dominio è disponibile e una volta scelto il tuo nome di dominio perfetto, puoi ottenerlo gratuitamente con il tuo piano di hosting Siteground.

Compra il tuo nome di dominio ora, prima che lo faccia qualcun altro!

Step #3: Trovare un web hosting affidabile

Qui è dove sono memorizzati tutti i tuoi file, contenuti, immagini, ecc. Quando le persone digitano il tuo nome dominio, questo cerca sul tuo server e mostra loro il tuo blog. 

Per iniziare, dovrai disporre di un piano di hosting condiviso a prezzi accessibili che offra l’installazione di WordPress con un solo clic.

So che questo genere cose sembra complicato, ma tranquillo è più facile di quanto tu possa pensare! 


Il miglior web hosting per i tuo food blog? SiteGround

Il mio #1 fornitore di hosting blog consigliato

logo-siteground
  • Supporto gratuito, veloce e cordiale 24/7
  • Iscrizione facile e veloce in 5 minuti
  • Nome di dominio gratuito per il tuo blog
  • Installazione gratuita di WordPress
  • Certificato SSL gratuito per il tuo blog
  • Garanzia di rimborso a 30 giorni

Offerta esclusiva per i miei lettori:

Inizia subito per soli €3,95 al mese
(invece di €9,95 al mese)

Acquistare il servizio hosting fornito da SiteGround ̬ semplicissimo. Come prima cosa basta andare sul sito del fornitore Рtramite questo link Рe acquistare un dominio WordPress Hosting (come da immagine sottostante):

come creare un blog di successo - home SiteGround

Subito dopo, acquista il pacchetto StartUp di Siteground (che è l’ideale per il tuo food blog):

come creare un blog di successo - scegliere pacchetto startup siteground

Scelto il pacchetto, scegli il giusto dominio per il tuo sito:

come creare un blog di successo - registra nuovo dominio siteground

Ed infine, compila le diverse form con i tuoi dati personali e quelli di pagamento.

Dopo aver completato il tutto, riceverai un’email da parte di Siteground con i tuoi dati di accesso al pannello di controllo all’hosting.

Una volta effettuato l’accesso al tuo account Siteground puoi iniziare a installare WordPress sul tuo blog.

Nota – Se per qualche motivo non sei soddisfatto, Siteground ha una garanzia di rimborso di 30 giorni per tutti i piani di hosting condiviso e di 15 giorni i piani di hosting Cloud (Tassa di dominio esclusa).

Step #4: Scegliere una piattaforma di blogging come WordPress

Questo è il punto di accesso per scrivere i tuoi post, caricare le immagini, ecc. Una volta acquistato il tuo nome a dominio e il tuo web host puoi installare WordPress gratuitamente con pochi click.

Molti aspiranti blogger si bloccano in questa fase perché non vogliono pagare i costi relativi all’acquisto del proprio host.

Ci sono un sacco di opzioni gratuite per i nuovi blogger, ma consiglio sempre alle persone di evitarli, perché quando il tuo blog inizia a crescere hai davvero bisogno di avere la piena proprietà e il controllo su tutta la struttura.

Con un blog gratuito ci sono buone probabilità che non lo possiedi, non puoi venderlo e spesso non hai accesso al back-end.

Queste cose sono essenziali per un business.

Raccomando SiteGround come una buona opzione di partenza per i nuovi blogger. Puoi ottenere la registrazione gratuita del nome dominio per un anno.

Una volta che hai acquistato il tuo nome dominio e l’hosting web, il prossimo passo è quello di scegliere un tema WordPress che si adatti alle tue esigenze.

Step #5: Installare un tema WordPress

Ora arriviamo alla parte più divertente del lavoro!

Una volta acquistato il nome di dominio e l’host web è quindi necessario selezionare ed installare un tema WordPress che si adatti alle tue esigenze.

Consiglio Рnon soffermarti troppo a lungo su questa fase, perch̩ puoi sempre cambiare il tema in secondo momento.

Quando si sceglie un tema ci sono due opzioni disponibili:

  • Ottenere un tema gratuito – Uno dei vantaggi di una piattaforma open source come WordPress è che ci sono letteralmente decine di migliaia di temi gratuiti tra cui scegliere. Alcuni di questi sono terribili, altri sono fantastici. Basta andare sul cruscotto di WordPress e fare clic su Aspetto > Temi e poi iniziare a navigare attraverso le demo.
  • Paga un tema premium – I temi Premium sono quelli progettati da esperti per uno scopo particolare. Di solito sono visivamente più accattivanti e sono dotati di una varietà di funzioni. 

Temi consigliati:

Penso che ThemeForest sia un buon punto di partenza per iniziare a cercare il tema perfetto per il tuo food blog. Ma puoi anche spostarti sui temi Premium progettati da Studiopress:

Foodie Pro Theme

Foodie Pro Theme è un fantastico tema di Studiopress progettato appositamente per i food blog.

Il template delle pagine di ricette incorporato è un enorme vantaggio. Scopri Foodie Pro Theme, disponibile per un costo una tantum di 129,95 dollari.

Brunch Pro Theme

Brunch Pro Theme è stato progettato anche per i blog di gastronomia, da parte degli stessi creatori di Foodie Pro.

Come Foodie Pro, Brunch Pro è bello da vedere e offre un design integrato per le pagine delle ricette.

Scegli il tuo preferito! Dai un’occhiata a Brunch Pro Theme, disponibile per un costo una tantum di 129,95 dollari.

Ecco cosa cercare in un tema WordPress:

  • Ben progettato – Il tuo tema (free o premium) dovrebbe essere adatto alla tua estetica e offrire tutte le caratteristiche che desideri. 
  • Reattivo – I temi Responsive sono costruiti per fornire un’esperienza visiva ottimale per i tuoi visitatori, siano essi in visita dal loro computer, dal tablet o dal loro smartphone. Ciò significa che i tuoi visitatori non dovranno pizzicare e zoomare per leggere i tuoi post – il tuo testo sarà già di dimensioni leggibili.
  • Ottimizzato per i motori di ricerca – Questo va di pari passo con gli ultimi due punti, perché un sito ben progettato si posizionerà naturalmente più in alto nei risultati di ricerca rispetto a un sito costruito su un tema pieno di errori. 

Vuoi sapere se il tuo potenziale tema ha errori di codifica? Esamina il tuo URL attraverso il servizio di validazione dei markup di W3C. Non dovrai capire cosa significano tutti gli errori, ma sappi che meno errori sono meglio di più errori.

  • Facile da usare – Trova un tema che offra possibilità di progettazione integrate, in modo da non dover modificare il codice per modificare le impostazioni di base. Queste caratteristiche ti faranno risparmiare un sacco di tempo. Il tuo tema dovrebbe renderti facile cambiare il tuo logo, i colori, font, ecc.
  • Sostenuto da un grande supporto – Quando si verificano problemi tecnici, un team di supporto reattivo e/o forum della comunità sono risorse inestimabili.

Step #6: Installare i giusti plugin WordPress

Ognuno di questi plugin fornisce caratteristiche preziose che potrebbero non essere automaticamente presenti nel tuo tema.

Plugin WordPress raccomandati per il tuo blog di cucina:

  • Akismet: Filtra i commenti di spam senza richiedere CAPTCHA. A nessuno piace CAPTCHA.
  • Tasty Recipes: Formatta le tue ricette per l’ottimizzazione sui motori di ricerca (SEO), aggiunge valutazioni a stelle, crea ricette adatte alla stampa e molto altro ancora. Questo plugin aiuterà la foto della tua ricetta ad apparire nei risultati di ricerca, e tutti noi abbiamo più probabilità di cliccare su questi link, giusto? Questo è un plugin a pagamento, ma credo che la funzionalità valga assolutamente il costo.
  • jQuery Pin It Button For Images: Questo plugin rende davvero facile per i tuoi visitatori appuntare le tue foto aggiungendo un pulsante “Pin It” come effetto hovercraft. È semplicissimo da impostare.
  • Social Snap: A mio avviso il miglior plugin di social bookmarking che aggiunge un pulsante “Mi piace Facebook”, un pulsante “Pin-It”, ecc. ad ogni post!
  • Subscribe To Comments Reloaded: Con questo plugin, i tuoi commentatori riceveranno le tue risposte ai loro commenti via email. Questa è una funzione utile per i lettori e migliora l’impegno.
  • WordPress Related Posts: Uso questo plugin per visualizzare i post correlati alla fine di ogni post. Ho personalizzato il display io stesso, ma offrono diversi modelli che hanno un aspetto piacevole. Mi piace questo plugin perché funziona alla grande e non rallenta il mio sito.
  • Yoast SEO: SEO è una bestia complicata e questo plugin ti aiuterà ad assicurarti di aver coperto le tue basi. Avrai bisogno di prendere il tempo di passare attraverso tutti i passaggi e impostare correttamente, però. Assicuratevi di usarlo per impostare Google Analytics e Google Search Console. Ne varrà la pena!

Leggi anche: 

Step #7: Impostare gli strumenti di Google

Per prima cosa, configura un nuovo account Google e un indirizzo Gmail per il tuo blog. 

È bello tenere le e-mail e gli account relativi al tuo blog separati, e avrai bisogno di un account Google per utilizzare i seguenti strumenti. Crea un nuovo account Gmail qui.

Una volta che hai un account Google, effettua il login e imposta quanto segue:

  • Google Analytics: Ti aiuta a tracciare il traffico del blog. (Nota: installa il codice di tracciamento nelle impostazioni del plugin MonsterInsights).
  • Google Search Console: Assicura che il tuo sito web sia attivo e funzionante. (Nota: installa il codice di tracciamento nelle impostazioni del tuo Yoast SEO plugin). Leggi anche: Google Search Console: La guida definitiva (2020)
  • Feedburner: Permette ai tuoi visitatori di iscriversi ai tuoi post tramite RSS o e-mail. Ti aiuta anche a tenere traccia dei numeri dei tuoi iscritti.

Step #8: Iniziare a bloggare.

Congratulazioni! Ora sei pronto a iniziare a pubblicare i post sul tuo nuovo food blog.

Se hai trovato utile questa guida su come aprire un blog di cucina, lasciami un commento nella sezione commenti!

P.S. Ti sarei grato se condividessi questa guida con altri, in modo che anche loro possano leggerlo! Grazie mille per il tuo sostegno!

Buon Blogging!

– Riccardo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER GLI AGGIORNAMENTI

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.


Leave a Reply