mosaic-dark-bg

Come aprire un negozio online da zero (2020): guida completa

Vuoi aprire un ecommerce di successo? Sei nel posto giusto! In questa guida passo-passo ti mostrerò come avviare un negozio online da zero.

Leggi di più

Condividi:
  • 2
    Shares
Come aprire un negozio online 7 semplici passi per avviare un sito e-commerce da zero

Vuoi aprire un negozio online? O almeno valuti la possibilità di farlo?

Allora sei nel posto giusto!

In questa guida passo-passo ti mostrerò come avviare un negozio online da zero. Al termine del percorso, dovresti avere un sito web eCommerce completamente funzionante con prodotti e carrello degli acquisti.

Grazie alle migliori piattaforme di ecommerce disponibili oggi sul mercato, ognuno di noi ha la possibilità di lanciare la propria attività di eCommerce senza nessuna conoscenza di design o di programmazione.

Continua a leggere! 😉

1. Decidi cosa vuoi vendere 

Il primo passo – che è un imperativo assoluto – è quello di scegliere la propria nicchia. Come spesso viene definita, una nicchia è un segmento specifico di un mercato più ampio.

Cerchiamo di dare un taglio più semplice. In sostanza, quando si sceglie la propria nicchia, bisogna decidere:

  • Cosa vuoi vendere?
  • A chi vuoi venderla?
  • Perché dovrebbero comprare?

Queste tre domande possono sembrare abbastanza ovvie, ma in realtà non lo sono affatto.

Definire la tua clientela ideale e capire perché dovrebbero comprare da te renderà il tuo lavoro molto più facile in un secondo momento.

L’errore principale che le persone fanno è quello di spingersi troppo in là nella speranza che quanto più grande è il mercato potenziale, tanto più è probabile che ottengano buone vendite. Questo non è corretto.

Se il tuo target di clienti è semplicemente “persone che respirano”, allora avrai difficoltà a posizionare il tuo prodotto sul mercato, a promuoverlo e a spiegare cosa c’è di così interessante.

In generale, è meglio concentrarsi su una nicchia piuttosto che andare dappertutto.

È meglio iniziare in un’area in cui si ha già un interesse personale, una conoscenza esperta o una passione. È davvero difficile operare in un settore di cui non si sa nulla.

Quindi, comincia dai tuoi interessi, inizia a muoverti da lì. Definisci chi è il tuo cliente ideale e cosa lo spinge a voler acquistare i prodotti che vuoi offrire.

Un buon punto di partenza è guardare cosa fa la tua concorrenza nella nicchia. Vedere come posizionano i loro prodotti, chi sono i loro clienti. Impara dai tuoi concorrenti e fai tesoro delle esperienze degli altri.

2. Scegli tra il Dropshipping e la vendita dei propri prodotti

Cominciamo dall’inizio spiegando due popolari scenari di e-commerce:

Modello tradizionale:

  1. si ottengono prodotti dal fornitore o li si crea da soli
  2. si offrono tali prodotti ai clienti attraverso il proprio sito web
  3. il cliente acquista il prodotto
  4. si invia il prodotto a loro

Modello di dropshipping:

  1. si inizia con l’elencare i prodotti sul proprio sito web
  2. il cliente acquista il prodotto
  3. il fornitore invia il prodotto direttamente al cliente

Il vantaggio principale del modello dropshipping è che non è necessario disporre di un inventario. Ciò significa che non ci sono costi per la realizzazione dei prodotti o per la loro conservazione.

Infatti, tutto ciò che vendi è puro profitto, poiché devi pagare il fornitore solo dopo aver ricevuto un ordine dal tuo cliente.

Nel modello tradizionale, devi sborsare soldi in anticipo per ottenere i prodotti dal fornitore o farli creare. È necessario farlo prima di poter iniziare a venderli.

D’altra parte, il dropshipping non fa per te se i prodotti che vuoi vendere sono di tua produzione o devono essere personalizzati prima di poter essere venduti.

In generale: se puoi, opta per il dropshipping – e soprattutto se è il tuo primo tentativo di avviare un negozio online. Il dropshipping è un ottimo modo per testare le acque e convalidare che i prodotti che si desidera vendere sono effettivamente qualcosa che i clienti vorranno acquistare. Poi, in seguito, potrai espanderti e iniziare ad offrire anche i tuoi prodotti.

3. Scegli i prodotti esatti da vendere 

Una delle grandi caratteristiche del dropshipping è che c’è un’abbondanza di prodotti diversi tra cui scegliere in quasi tutte le nicchie.

Si tratta di un’ottima notizia per le aziende che hanno appena iniziato e non vogliono investire nello sviluppo dei propri prodotti. I passi da compiere sono:

  • Ricerca della propria nicchia. Esamina che tipo di prodotti i tuoi concorrenti stanno vendendo e quali sono i loro prodotti più venduti.
  • Vai sui siti contenutistici sul web per scoprire che tipo di problematiche, prodotti, o cose in generale il tuo target di riferimento legge.
  • Visita i forum di nicchia e vedi di cosa parlano i tuoi clienti.
  • Cerca su Google le parole chiave più rilevanti per la tua nicchia.
  • Vai su Amazon e fai ricerche simili. Vedi quali prodotti vendono bene.

Con tutte queste ricerche, ora puoi andare in alcuni market popolari e iniziare a cercare prodotti specifici che puoi vendere.

Il più grande market di questo tipo è AliExpress.

È un normale marketplace di e-commerce conforme alla maggior parte degli standard, ma consente anche di stabilire rapporti con i commercianti e di offrire i loro prodotti come dropshipper.

Vai su AliExpress e cerca prodotti che siano in sintonia con la ricerca che hai fatto, e che sembrino anche interessanti per la tua clientela.

AliExpress

Consiglio di iniziare con un numero di prodotti compreso tra 10 e 50. Questo ti darà abbastanza materiale per rendere il tuo negozio completo.

Quando prepari la lista dei prodotti, tieni a mente le seguenti cose:

  • Assicurati che il prodotto sia disponibile per la spedizione nei luoghi in cui si trova il tuo pubblico di riferimento. Inoltre, più bassi sono i costi di spedizione, meglio è.
  • Verifica i tempi di spedizione e assicurati che non superino ciò che consideri accettabile (lascio decidere cosa è accettabile e cosa non lo è a tuo giudizio).
  • Se possibile, evita prodotti di marca (non vuoi dipendere dalla possibilità di vendere scarpe da ginnastica Adidas, per esempio).
  • È una pratica comune per i negozi di dropshipping fissare i propri margini al 50% circa. In altre parole, quando si cerca un prodotto da vendere, ci si concentra su quelli che sono la metà del prezzo rispetto a quello per cui si vuole venderlo.

Come ho già detto prima, avere una lista di 10-50 prodotti è un buon inizio. La useremo in seguito per importare i prodotti nel tuo negozio online.

4. Trova un nome professionale e registrare un nome di dominio 

Scegliere un nome di dominio per il tuo negozio è senza dubbio la parte più divertente di tutta l’impresa. La gente ama dare un nome alle cose. Soprattutto alle attività commerciali.

Tuttavia. Il nome che otterrai può avere un grande significato per il tuo futuro successo e per la tua capacità di commercializzare l’attività in modo efficace.

Ecco le cose da tenere a mente quando si fa brainstorming su un nome commerciale:

1. Scegli un nome facile da pronunciare

Immagina di parlare con qualcuno al telefono e di dover menzionare il nome del tuo negozio. Devi fare lo spelling per far sì che l’altra persona lo capisca?

Se lo fai, il nome è troppo complesso. Cerca qualcosa di semplice e facile da pronunciare al primo tentativo.

2. Scegli un nome facile da memorizzare

Questo si riferisce al punto precedente, in qualche modo. Oltre ad essere facile da pronunciare, il tuo nome deve anche essere facile da memorizzare.

Questo si può ottenere in un paio di modi:

  • Una soluzione è quella di usare una parola completamente inventata, dato che il tuo nome è una soluzione (pensiamo a “Google”)
  • In alternativa, puoi mettere insieme due parole che hanno un significato reale, ma che creano qualcosa di originale se messe una accanto all’altra (pensa “Face-book”).

3. Scegli un nome che possa essere brandizzato

Il tuo nome dovrebbe essere abbastanza originale, in modo che la gente non lo scambi per altri business simili.

Per esempio, se vuoi chiamare la tua pizzeria “Pizza Den” ma c’è un’altra attività in città che si chiama “Pizza Pan”, allora non è un buon nome.

4. Scegli un nome che sia breve

Non più lungo di una combinazione di 2-3 parole.

Più lungo di 2-3 parole e sarà più difficile da ricordare e meno riconoscibile.

5. Non utilizzare caratteri o numeri speciali

Inoltre, dimentica i punti, le sottolineature, i trattini, ecc.

6. Scegli un nome disponibile come dominio .com

Il .com è l’estensione del nome di dominio più popolare e importante. Se stai facendo brainstorming su un nome, non cercare qualcosa che non abbia un dominio .com disponibile.

Puoi controllare se il nome di dominio dei tuoi sogni è disponibile su un sito come namecheap.com (ma non comprarlo ancora).

namecheap

5. Avvia un sito web del negozio online da solo

Finalmente, è il momento di costruire un vero e proprio negozio online.

Ecco la parte migliore: puoi fare tutto da solo, non c’è bisogno di un aiuto professionale e non devi sacrificare la qualità del risultato finale. 

Leggi – il tuo negozio online sarà altrettanto funzionale e bello come se fosse stato costruito da un professionista.

1. Vai su SiteGround e iscriviti al Web Hosting

SiteGround è sempre la mia prima scelta quando penso ad un servizio di web hosting. Sono in giro da anni e hanno dimostrato di fornire servizi di alto livello. Allo stesso tempo, sono più che accessibili – la tua spesa mensile per l’hosting sarà di soli € 3,95.

👉 Se desideri ulteriori informazioni, ti consiglio di leggere la recensione su SiteGround Web Hosting.

Il mio #1 fornitore di hosting blog consigliato

logo-siteground
  • Supporto gratuito, veloce e cordiale 24/7
  • Iscrizione facile e veloce in 5 minuti
  • Nome di dominio gratuito per il tuo blog
  • Installazione gratuita di WordPress
  • Certificato SSL gratuito per il tuo blog
  • Garanzia di rimborso a 30 giorni

Offerta esclusiva per i miei lettori:

Inizia subito per soli €3,95 al mese
(invece di €9,95 al mese)

Per iniziare, visita siteground.com e clicca sul pulsante “Acquista” WordPress hosting gestito:

come creare un blog di successo - home SiteGround

Scegli il piano più economico e clicca su Acquista:

confronto-piani-hosting-condiviso-siteground

Nella fase successiva, inserisci il nome dominio che vuoi registrare per il tuo negozio:

come creare un blog di successo - registra nuovo dominio siteground

Riceverai questo nome dominio gratuitamente per il primo anno.

2. Installa WordPress

WordPress è un sistema operativo per siti web. E’ open-source, potente e facile da usare. Lo useremo come base per il tuo negozio.

Per installare WordPress, accedi al tuo pannello utente SiteGround, vai su Hosting, e poi clicca su cPanel

come creare un blog di successo - accedi in cpanel siteground

Dal cPanel scendi fino alla sezione Auto Installanti e successivamente clicca su WordPress. Questo avvierà l’installazione guidata di WordPress (ti verrà chiesto di inserire il nome del sito e la tagline)

come creare un blog di successo -installare wordpress siteground

Cliccare su Installa per installare WordPress.

Dopo un paio di secondi, vedrai una schermata di conferma e potrai accedere al tuo pannello di amministrazione di WordPress.

3. Installa WooCommerce

WooCommerce è un plugin per WordPress che lo estende con la funzionalità e-commerce. Questo è il plugin chiave che essenzialmente permetterà di aprire un negozio online. E’ anche gratuito e open-source, proprio come WordPress.

Per installarlo, accedi al pannello di amministrazione di WordPress e vai su Plugins → Add New (dal menu laterale).

Digita “WooCommerce” nel campo di ricerca e installa e attiva il plugin.

installa plugin WooCommerce

WooCommerce ti guiderà attraverso la configurazione iniziale necessaria per far funzionare il tuo negozio.

setup WooCommerce

4. Aggiungi i tuoi prodotti

In questa fase, è il momento di aggiungere i tuoi primi prodotti al catalogo del negozio.

Se hai intenzione di offrire i tuoi prodotti, potrai aggiungerli in Products → Add Product. Vedrai la seguente schermata: 

aggiungi prodotto woocommerce

Qui troverai spazio per il nome del tuo prodotto, la descrizione e anche tutti gli altri dettagli come il prezzo e le informazioni sulla spedizione.

Se intendi fare dropship, è necessario installare un plugin aggiuntivo, che ti permetterà di importare prodotti dai fornitori. Una delle soluzioni migliori per i nuovi negozi è Dropship.me.

Puoi iniziare ad usarlo gratuitamente, e puoi scegliere di passare ad un piano a pagamento se vuoi importare altri prodotti.

dropshipme

Dopo aver installato Dropship.me, avrai accesso a più di 50.000 prodotti dropshipping provenienti da AliExpress.

5. Scegli un tema

L’ultimo passo è scegliere un tema (un pacchetto di design) per il tuo negozio online.

La cosa bella di WordPress è che ci sono migliaia di temi disponibili su internet.

Detto questo, voglio evidenziare tre temi che presentano i loro specifici vantaggi:

  • Storefront. Questo è il tema ufficiale di WooCommerce. Ha tutte le caratteristiche di base ed è facile da usare. Il design è un po’ elementare, ma potrebbe essere ciò che vuoi.
  • Neve. Un tema di grande effetto che funziona a meraviglia e viene fornito con un design ottimizzato per lavorare su un negozio di e-commerce.
  • Astra. Un tema tipo “coltellino svizzero” che viene fornito con una tonnellata di siti di partenza e impostazioni in cui tuffarsi. 

6. Imposta i metodi di pagamento

L’ultimo pezzo del puzzle quando si tenta di avviare un negozio online è l’accettazione di pagamenti da parte dei clienti.

Per impostazione predefinita, WooCommerce consente di accettare pagamenti tramite PayPal. Non è necessario fare molto per abilitare questo sistema di pagamento.

Probabilmente te ne sarai già occupato durante la configurazione iniziale di WooCommerce.

paypal

Detto questo, è possibile scegliere un sistema di pagamento diverso, o anche utilizzare un paio di sistemi alternativi allo stesso tempo. Uno dei motivi potrebbe essere che alcuni dei tuoi clienti preferiscono metodi di pagamento specifici rispetto ad altri. Quindi, più ne avrai integrati nel tuo negozio, più vendite otterrai.

Due dei metodi di pagamento aggiuntivi più popolari per WooCommerce sono Stripe e Square. Queste sono scelte davvero ottime se vuoi accettare le carte di credito (cosa che sicuramente farai).

Sia Stripe che Square sono gratuiti. Tuttavia, come per ogni metodo di pagamento, ci sono delle commissioni aggiuntive imposte su ogni transazione effettuata (è lo stesso con PayPal), quindi basta essere consapevoli di questo.

Ottenere un nuovo metodo di pagamento installato nel tuo negozio di e-commerce è semplice. Questi sistemi di pagamento sono tutti forniti come plugin WordPress, quindi puoi installarli nello stesso modo in cui hai installato WooCommerce.

Dopodiché, ogni sistema di pagamento viene fornito con la propria procedura di installazione. La maggior parte delle volte, però, tutto quello che devi fare è registrarti per un account e verificare i tuoi dati.

7. Inizia a commercializzare il tuo negozio online

Ci sono molte cose diverse che si possono fare per far conoscere il proprio negozio, ma qui ci concentreremo solo su quattro, le quattro che più probabilmente funzioneranno nel 2020 e in futuro.

1. Influencer Marketing

L’Influencer Marketing è un modo relativamente nuovo per promuovere il tuo negozio. La maggior parte di esso viene fatta su Instagram.

Il modo in cui funziona è questo:

  1. Trova persone popolari nella tua nicchia o riconoscibili per qualsiasi motivo.
  2. Contattali e chiedi loro quali sono le loro tariffe per la promozione di prodotti come il tuo. Inoltre, fai attenzione alla dimensione dei loro seguaci e chiedi loro il numero di engagement che ottengono in post simili.
  3. Accordati su una tiratura di due o tre messaggi promozionali e invia loro i tuoi prodotti.

2. Annunci a pagamento

Gli annunci a pagamento in generale non falliscono mai. Se c’è un mercato per qualcosa, e si punta a quel mercato con gli annunci, si ottengono delle vendite.

La piattaforma più popolare per pubblicizzare i tuoi prodotti è Google AdWords. Iniziare con loro è relativamente facile, e Google ha le sue guide per guidarti attraverso i primi passi.

3. Social Media Marketing

Anche se Instagram è certamente il social network più in voga al giorno d’oggi, ciò non significa che sia l’unico posto in cui si dovrebbe promuovere il proprio negozio.

Infatti, dovresti essere presente in tutti i luoghi in cui i tuoi clienti potrebbero frequentare il tuo negozio. Questo, al giorno d’oggi, significa la maggior parte dei social network più popolari.

O, come minimo, i più importanti come Facebook, Twitter e, opzionalmente, Pinterest (se i tuoi clienti lo utilizzano).

Il tuo approccio a tutti questi network sarà simile, ma gli obiettivi e il modo in cui costruisci i tuoi messaggi saranno diversi.

La prima cosa che dovresti tentare di fare è quella di ricercare cosa fa la tua concorrenza e come promuove i suoi negozi. Prendi nota delle loro strategie e tattiche e vedi cosa puoi adattare alla tua situazione. Soprattutto, fai attenzione a:

  • Il tipo di messaggi che pubblicano.
  • La frequenza di pubblicazione.
  • Quanto spesso promuovono direttamente i loro prodotti.
  • Qual è il tono di voce dei loro messaggi

In seguito, stabilisci i tuoi obiettivi su ciò che vuoi raggiungere attraverso i social media.

Più comunemente, tali obiettivi dovrebbero essere la costruzione della consapevolezza del brand tra i clienti, e solo occasionalmente promuovere i tuoi prodotti e cercare di generare vendite dirette. Se spingi troppo la tua merce, ti allontanerai rapidamente dalle persone.

Il passo successivo consiste nell’impostare un calendario delle pubblicazioni e nel preparare in anticipo alcuni post sui social media. Puoi successivamente pubblicare quei post con l’aiuto di strumenti come Buffer.

4. Content Marketing e SEO

Al giorno d’oggi, il content marketing e il SEO sono i metodi più efficaci per promuovere qualsiasi sito web (compresi i negozi di e-commerce).

L’idea alla base del content marketing è semplice: si forniscono alle persone approfondimenti su argomenti legati alla propria attività e quindi si genera interesse per ciò che si ha da offrire.

Ad esempio, se il tuo negozio vende calze invernali, allora puoi offrire alle persone consigli su argomenti come la scelta delle calze da sci. Puoi fornire questi consigli sotto forma di un semplice post sul blog.

Mentre le persone leggono i tuoi contenuti, vengono anche informati sul tuo negozio e sulle calze che hai nel tuo catalogo.

Lo stesso principio può essere adattato a qualsiasi mercato o nicchia. Trova ciò che le persone vogliono sapere e poi crea un contenuto che fornisca loro quelle informazioni.

Quando lo fai, ottimizza i tuoi contenuti in modo che siano più visibili tramite Google. Secondo quanto riportato da Hubspot, Google è responsabile del 94% del traffico organico totale sul web.

👉 Ecco ulteriori informazioni su come ottenere più traffico verso il tuo negozio online o sito Web/blog utilizzando SEO.

Come puoi vedere, aprire un negozio online non è poi così difficile, dopo tutto.

Tutto ciò di cui hai bisogno per avviare rapidamente il tuo negozio è pianificare i tuoi passi, e sfruttare strumenti moderni come WordPress e WooCommerce.

Ricapitolando, ecco ancora una volta tutti i passi:

  1. Decidere cosa vuoi vendere
  2. Scegliere tra il dropshipping e la vendita dei propri prodotti
  3. Scegliere i prodotti esatti da vendere
  4. Trovare un nome commerciale e registrare un nome dominio
  5. Avviare un sito web di un negozio online da soli
  6. Impostare i metodi di pagamento
  7. Iniziare a commercializzare il tuo negozio online

Se hai trovato utile questa guida su come avviare un negozio online da zero, lasciami un commento nella sezione commenti!

P.S. Ti sarei grato se condividessi questa guida con altri, in modo che anche loro possano leggerlo! Grazie mille per il tuo sostegno!

Buon lavoro! Ci vediamo nel prossimo post!

– Riccardo

newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER GLI AGGIORNAMENTI

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.


Leave a Reply