mosaic-dark-bg

Come creare un blog gratis [Guida completa 2020]

Vuoi sapere come creare un blog gratis su internet? Ecco le 10 piattaforme con cui mettere finalmente online il tuo progetto gratuitamente.

Leggi di più

Condividi:
come creare un blog gratis su internet

Benvenuto nella mia guida che ti permetterà di capire come creare un blog un blog gratis su internet, in modo semplice e con le giuste piattaforme.

Sia che tu voglia creare un blog personale per condividere le notizie con la tua famiglia e i tuoi amici o un blog professionale (per costruire un pubblico più ampio) o che tu voglia creare un sito web per te o la tua azienda… crearlo gratuitamente è il modo più semplice senza rischiare nulla.

Oggi ti mostrerò 10 piattaforme che ti permetteranno di avviare un blog gratuitamente in tutta semplicità!

Questa guida sarà estremamente utile per iniziare, ma ti suggerisco poi di prendere in considerazione l’uso di una piattaforma molto più professionale: WordPress

Leggi anche:

…ti daranno tutte le informazioni su come creare un blog o un sito internet a prova di errore.

Ora mettiti comodo e rilassato, perché incominciamo subito!

Come aprire un blog gratis: pro e contro

Ecco i vantaggi di queste soluzioni gratuite:

  • Zero costi di gestione
  • Pochi minuti per essere online
  • Non hai bisogno di nessuna competenza
  • Puoi chiudere tutto e ricominciare da zero

Ecco alcuni degli svantaggi che avrai creando un blog gratuitamente:

  • Non puoi personalizzare in nessun modo il codice
  • Non puoi assolutamente guadagnare da tuo blog/sito web
  • Non puoi installare nessun plugin per sfruttare al massimo il tuo sito
  • Non hai la completa proprietà del sito
  • Non hai nessuna libertà ma devi seguire delle regole ben precise
  • Non puoi tirare fuori il massimo dalla tuo progetto
  • Non hai un dominio proprietario

Quindi, se le tue intenzioni sono quelle di creare un blog o sito web solo se per hobby e non hai intenzione di guadagnare online, allora la piattaforma gratuita fa al caso tuo se no lascia perdere e adotta una soluzione molto più professionale.

Come creare un blog gratis: ecco le migliori 10 piattaforme nel 2020 

Ci sono molte piattaforme sul mercato per creare un blog gratuitamente in pochi minuti e senza essere un programmatore.

#1. Blogger

blogger

Blogger è una delle più antiche piattaforme per la creazione di blog gratuiti, anche se la sua popolarità è diminuita negli ultimi anni.

È una soluzione solida per i blog personali, ma non è la migliore risorsa per un uso più professionale. 

Funziona proprio come le altre piattaforme ospitate: per poterlo utilizzare è necessario prima creare un account.

Dopo averlo creato, devi scegliere uno dei temi e puoi iniziare a scrivere i tuoi contenuti. Questa piattaforma ha un’interfaccia simile a quella di un profilo social e l’editor si presenta come una pagina Word.

Blogger offre una serie di temi tra cui scegliere, ognuno dei quali fornisce un design differente, un filtraggio avanzato dei colori e vari widget. 

Ma niente di troppo stravagante, né alcuna personalizzazione avanzata del design.

In generale, Blogger ha un aspetto semplice, quindi l’attenzione rimane concentrata sulla creazione del contenuto. Una bella cosa di questa piattaforma è che viene fornita con spazi pubblicitari che è possibile inserire all’interno dei propri contenuti.

#2. WordPress.com

wordpress.com

WordPress.com – che è l’altra faccia di WordPress.org – è una piattaforma molto completa e affidabile utilizzata soprattutto per i blog e siti internet personali perché è facile da configurare e gratuita (se ti va bene non avere un nome di dominio personalizzato). 

Tuttavia, sei piuttosto limitato nella personalizzazione del sito.

E soprattutto se il tuo piano è quello di monetizzare il tuo blog in qualsiasi modo, WordPress.com ti impedirà di farlo. Ci sono soluzioni migliori per questo scopo quando si tratta di piattaforme per la creazione di blog gratuiti.

Il procedimento per creare un blog o sito web gratis su WordPress.com è pressochè uguale a quello per Blogger. 

Ti basta semplicemente iscriverti alla piattaforma, scegliere il nome del tuo sito e, anche in questo caso, selezioni uno dei temi disponibili per abbellire e personalizzare il tuo sito. 

Il dominio del tuo blog sarà costituito dal nome che hai scelto seguito dalla dicitura wordpress.com. Per esempio: www.tuodominio.wordpress.com

#3. Wix

wix

Wix è un costruttore di siti web gratuito che può essere gestito totalmente dal front-end. La caratteristica principale di questa piattaforma è che è dotata di opzioni drag-and-drop, in modo da non dover gestire nulla nel back-end.

Il design è molto intuitivo e moderno, che può essere utilizzato sia dai principianti che dagli esperti.

La cosa bella di Wix è che ha l’hosting gratuito incluso, quindi basta semplicemente impostare i layout, scegliere un template e il gioco è fatto. Fornisce una bella collezione di temi e modelli gratuiti e premium per diversi scopi, tra cui il blogging.

Per lanciare un blog Wix, basta registrarsi e fare una scelta: puoi lasciare che l’IA di Wix crei un sito per te sulla base di un questionario o costruire il tuo blog da solo – il che include la selezione di un template e l’organizzazione dei layout tramite l’editor WYSIWYG. 

Se si sceglie la seconda opzione, basta trovare un bel template e iniziare a personalizzare il tutto sul front-end, in modalità anteprima live.

È possibile aggiungere più elementi alle pagine, dai widget multimediali agli sfondi, ai menu, alla tipografia, ai moduli, ai box video ecc.

Quando pensi che il tuo sito sia pronto, clicca su Pubblica e inizia a bloggare le tue storie.

Dopo la pubblicazione, puoi tornare in qualsiasi momento per modificare i blocchi di contenuto.

#4. Weebly 

weebly

Weebly è un altro costruttore di siti web che si può utilizzare non solo per blog, ma anche per vendere i tuoi prodotti o mostrare il tuo portafoglio. È in qualche modo simile a Wix nella misura in cui fornisce un editor WYSIWYG con elementi drag-and-drop.

Se si desidera aggiungere un determinato pulsante, è sufficiente trascinarlo sulla pagina e personalizzarlo. Lo stesso accade con gallerie fotografiche, slideshow e qualsiasi altro elemento multimediale.

Weebly fornisce barre laterali, box multimediali, moduli, spazi pubblicitari, icone dei social media, iscrizione alla newsletter e molto altro ancora.

Inoltre, la piattaforma viene fornita con l’analisi integrata e consente di utilizzare il proprio dominio personalizzato (per il quale è necessario pagare).

Sul piano gratuito, si ottengono cinque pagine personalizzate, un sottodominio Weebly, 500 MB di memoria e spazi pubblicitari.

#5. Medium

medium

Medium è una piattaforma polivalente che affronta diversi argomenti, dove chiunque abbia un account può scrivere.

A differenza della maggior parte degli altri siti di blogging gratuiti, il grande vantaggio di Medium è che i tuoi articoli saranno esposti a un vasto pubblico poiché la piattaforma è visitata da 60 milioni di lettori al mese (e il numero aumenta ogni anno).

È semplicissimo da usare: basta registrarsi e iniziare a scrivere. Ma il lato negativo è che tutti i tuoi contenuti sono su Medium. Cioè, non stai davvero costruendo il tuo “spazio” come faresti con WordPress. 

#6. Ghost 

ghost

Questa è un’altra piattaforma di blogging simile a WordPress.

Mentre il software Ghost può essere scaricato gratuitamente, è necessario l’hosting a pagamento per il funzionamento. 

DigitalOcean è un ottimo servizio che supporta Ghost: è economico e viene fornito con un sacco di belle funzionalità per iniziare.

Creare un post in Ghost è facile una volta creato il tuo sito web. L’editor è semplice e minimalista, e offre un’anteprima in diretta del tuo testo sul lato destro dello schermo. Vicino allo schermo dell’editor, c’è una barra laterale con le impostazioni, dove puoi scegliere le tue preferenze.

#7. Tumblr

tumblr

Tumblr è uno dei siti di blogging gratuiti più originali sul web. A differenza delle altre piattaforme che vengono create per lo più per scopi editoriali, questa qui è più orientata ai contenuti multimediali o ai social media.

L’interfaccia di Tumblr è più divertente e facile da usare: basta registrarsi e poi si può iniziare a pubblicare.

Proprio come una normale piattaforma di blogging, fornisce diversi formati di post per diversi tipi di contenuti. La caratteristica di Tumblr è che è puramente per uso personale e non sarebbe una grande soluzione se si hanno programmi orientati al business. 

È semplicistico, offre opzioni di personalizzazione di base e, come ho detto prima, ha più un’atmosfera da social media.

Nonostante non sia stato costruito per il business, ti permette di visualizzare gli annunci sulla tua pagina, utilizzare i link degli affiliati e integrare il tuo blog con Google Analytics.

#8. Joomla

joomla

Joomla è simile a WordPress.org ma non così semplice se si considerano le piattaforme per la creazione di blog e siti web in modo gratuito disponibili sul web.

Proprio come WordPress, il software è gratuito ma ha bisogno di un hosting e di un dominio. 

Come nel caso di WordPress, raccomando Siteground perché è molto economico e affidabile (e include un dominio gratuito).

In generale, Joomla ha un’interfaccia flessibile che può essere utilizzata non solo per i blog ma anche per i siti web più complessi (è possibile scegliere tra una varietà di modelli ed estensioni per aggiungere funzionalità personalizzate).

Per quanto riguarda la facilità d’uso, la piattaforma fornisce un editor di vecchia scuola, che in qualche modo assomiglia a Microsoft Word.

Permette di scegliere il font, il colore, le dimensioni, le emoticon, le tabelle o lo sfondo.

Gli strumenti del menu ti fanno sentire come se fossi in una finestra di Word.

L’editor Joomla è a schede. La prima scheda è la classica finestra di testo in sé, poi è necessario passare da una scheda all’altra per selezionare le categorie di post, i tag, la data, la meta descrizione, le parole chiave, ecc.

#9. Jimdo 

jimdo

Con Jimdo è possibile creare rapidamente un sito web esaminando alcuni elementi (si prende un questionario di base sullo scopo del sito). Dopo aver controllato queste opzioni, il tuo sito viene creato automaticamente in base alle tue scelte. 

Il lato negativo di Jimdo è che non puoi avere un dominio personalizzato (almeno non gratuitamente) e non puoi rimuovere gli annunci se non fai l’upgrade.

Un aspetto importante di Jimdo, però, è il fatto che è un page builder: si creano i post del blog direttamente dal front-end e non tramite un editor (come fanno gli altri blog).

Questo significa che devi andare in ogni box di contenuto di una pagina live e modificarlo sul posto, senza essere reindirizzato ad un’altra pagina. 

Il piè di pagina e il logo possono essere modificati allo stesso modo.

Per quanto riguarda gli elementi di contenuto, hai alcune opzioni: testo semplice, testo con immagine, galleria fotografica, colonne, pulsanti, ecc.

Tramite la barra laterale di sinistra, è possibile effettuare ulteriori modifiche, come l’aggiunta della data dell’articolo, del titolo, della categoria, dello stato (pubblicato o bozza), del sommario e dell’anteprima dell’immagine.

In breve, il tuo articolo sarà interamente costruito a partire da molti singoli elementi che potrai modificare separatamente. 

Testo, immagine, pulsante… l’ordine dipende da te.

#10. Ucraft

ucraft

Se hai bisogno di qualcosa di super semplice, potresti essere soddisfatto dell’opzione gratuita Landing Page di Ucraft: puoi creare una landing page e collegare il tuo dominio gratuitamente.

La versione gratuita non elimina il marchio Ucraft, ma è ridotta al minimo e non è molto invasiva.

È inoltre puoi eliminare il marchio Ucraft e vendere fino a 50 prodotti passando a un piano Pro Website da 10 dollari al mese, e vendere fino a 1.000 prodotti sul piano Pro Website da 21 dollari al mese.

(Ucraft ha recentemente abbandonato il suo piano Basic da $6 al mese e ha abbassato il prezzo del piano Pro Website Plan da $14 a $10 al mese).

Se hai più articoli da vendere, fai un altro upgrade, ma ricorda che una volta effettuato l’upgrade, non puoi tornare a un piano meno costoso.

Come creare un blog (in 5 semplici passi)

  1. Scegli un nome distintivo per il tuo blog: Usa SiteGround oppure GoDaddy per trovare il nome dominio perfetto per il tuo blog.
  2. Acquista un dominio e ottieni l’hosting per il tuo blog: Consiglio di acquistare l’hosting da SiteGround e ottenere il tuo nome dominio gratuitamente.
  3. Installare WordPress: È possibile installare WordPress tramite l’interfaccia di Siteground con pochi clic.
  4. Trova il tema WordPress perfetto: Personalizza il design del tuo blog in base ai tuoi gusti. Prova Themeforest per trovare il tuo tema ideale!
  5. Scarica alcuni plugin e componenti aggiuntivi di WordPress indispensabili: Dai al tuo blog più funzionalità come la condivisione social, l’ottimizzazione della cache e l’ottimizzazione delle immagini.

Avvia il tuo blog e inizia a comunicare con il mondo intero. Inizia a scrivere, a condividere e a coinvolgere i tuoi follower sulla tua nicchia/argomento preferito.

Conclusioni: Pronto a creare un blog gratis su internet con queste piattaforme?

Che ne pensi? Quale ti sembra la soluzione migliore?

Se hai usato uno di queste piattaforme gratuite in passato, mi piacerebbe conoscere le tua esperienza, lasciami un commento qui sotto!

P.S. Inoltre, condividi questo articolo in modo che anche gli altri possano trovarlo. Grazie mille!

Ci vediamo al prossimo post!

– Riccardo

newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER GLI AGGIORNAMENTI

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.


Leave a Reply