mosaic-dark-bg

Come scrivere un buon post sul blog: 12 consigli utili

Vuoi scrivere un buon post sul blog che si converte? Questo post ti offre 12 modi per farlo senza ulteriore sforzo.

Leggi di più

Condividi:
Come scrivere un buon post sul blog 12 consigli utili

Hai mai letto un grande contenuto che ti è rimasto impresso? Ti stai chiedendo come scrivere un buon post sul blog che abbia un grande impatto?

Scrivere un buon post sul blog non è facile.

Ma non è nemmeno una scienza missilistica!

Scrivere ogni giorno, scrivere qualcosa che la gente leggerà davvero, scrivere qualcosa che faccia prendere iniziative alle persone.

Uno studio di Zazzle Media ha scoperto che la creazione di contenuti coinvolgenti è la sfida numero uno per il 65% degli scrittori.

studio zazzle media

Fonte: Zazzle Media

Sono un blogger da anni, ma ho ancora giorni in cui la mia mente si svuota e non riesco a scrivere una parola.

Anche in questo caso, non è niente di insolito per i blogger.

Ma questi giorni si verificano meno frequentemente quando si dispone di una formula, di un modello standard o di un processo fisso che si segue ogni volta che si scrive un post sul blog.

Non solo aiuta a scrivere più velocemente, ma anche a creare contenuti immensamente coinvolgenti e di valore

Ed è di questo che tratta l’articolo di oggi.

Ti dirò esattamente cosa faccio prima, durante e dopo aver scritto un post sul blog, come ricerco i dati per i miei contenuti e tutte le altre cose che vuoi sapere sulla scrittura di un post sul blog.

Quindi iniziamo subito…

La fase di pre-scrittura – Pianifica strategicamente il tuo articolo

Scrivere grandi contenuti richiede tempo.

Ma richiede anche molta preparazione prima di scrivere una sola parola.

La qualità e il successo dei contenuti dipende in larga misura dalla fase di pre-scrittura in cui si elabora un piano per il proprio articolo.

Più specificamente, dovrai identificare le principali domande a cui il tuo articolo si concentrerà e raccogliere le informazioni necessarie per risolverle.

1. Determina l’obiettivo primario del tuo post sul blog

Ogni articolo del blog che scrivi dovrebbe rispondere a una domanda specifica o a un gruppo di domande strettamente correlate.

Per chi stai scrivendo questo articolo?

Perché stai scrivendo questo articolo?

Cosa vuoi che facciano i tuoi lettori quando lo leggono?

Cosa speri di ottenere con questo articolo?

Queste sono tutte domande semplici ma estremamente cruciali a cui devi rispondere prima di scrivere un articolo, perché determineranno la direzione del post sul tuo blog.

Per questo particolare post del blog, il mio obiettivo è quello di dire ai lettori esattamente come dovrebbero scrivere un articolo.

Limiterò i miei contenuti a questi obiettivi.

Se non lo faccio, posso continuare ad andare avanti senza creare alcun valore per i miei lettori.

Esempio – Se un sito affiliato pubblica una recensione di un prodotto, l’obiettivo è quello di condividere informazioni sul prodotto, collegarlo alle esigenze del pubblico e convincere i lettori ad acquistarlo.

La domanda (o le domande) alla quale il tuo articolo risponderà

Sii chiaro sulle domande a cui intendi rispondere con il tuo articolo.

Non cercare di trattare troppi argomenti diversi in un unico articolo. Concentrati solo su una o più domande strettamente correlate del tuo pubblico e cerca di rispondere in modo esaustivo.

Ecco un esempio di un articolo che copre troppe domande.

Come costruire la tua mailing list, aumentare il traffico e aumentare le conversioni del tuo sito web“.

L’approccio migliore, invece, è quello di suddividere l’articolo in tre diversi articoli e approfondire ogni singolo argomento.

  1. 10 modi collaudati per far crescere in modo esponenziale la tua lista e-mail“.
  2. La strategia per far crescere il tuo traffico del 458% in 30 giorni“.
  3. 9 Consigli per aumentare il tasso di conversione del sito web del 185%“.

Capisci cosa intendo?

Provare a rispondere a troppe domande in un unico articolo non solo confonderà i lettori del tuo blog, ma ti limiterà a condividere le informazioni a livello superficiale invece di trattare ogni argomento in dettaglio.

Conteggio delle parole del tuo articolo

Diversi studi hanno dimostrato la relazione tra la lunghezza dei contenuti e le classifiche di ricerca. Gli articoli più lunghi tendono anche a ottenere più backlink e condivisioni sociali.

HubSpot ha scoperto che gli articoli più lunghi del loro blog (oltre 2500 parole) ricevono in media più backlink.

contenuti più lunghi ricevono più backlinks e condivisioni social

Fonte: HubSpot

Tuttavia, il conteggio delle parole non dovrebbe mai essere un obiettivo quando si scrive un articolo.

Dovresti scrivere tante parole quante sono necessarie per rispondere alle domande a cui stai mirando in un post del blog.

2. Crea un ambiente privo di distrazioni per massimizzare la tua produttività

Quando ci si siede per scrivere un articolo è fondamentale bloccare tutte le distrazioni e creare un ambiente in cui ci si possa concentrare solo ed esclusivamente sul lavoro.

Perché non si possono scrivere grandi contenuti in assenza di distrazioni.

Quindi ecco i miei consigli per te:

  • Fissa il tuo tempo di scrittura: che tu sia un mattiniero o un nottambulo, fissa il tuo tempo di scrittura e blocca tutto il resto durante quel tempo. Scrivi e basta.
  • Traccia il tuo tempo: uso RescueTime per tracciare le mie attività e rimanere concentrato sul lavoro.
  • Spegni i social network: Esci da Facebook, Twitter e qualsiasi altro social network e spegni le notifiche degli smartphone mentre scrivi.

3. Tieni pronti tutti gli strumenti necessari per la scrittura

Un’ultima osservazione prima di iniziare effettivamente il processo di ricerca e creazione di contenuti è assicurarsi di avere gli strumenti giusti per la creazione di contenuti.

Ci sono centinaia di strumenti gratuiti e premium per il content marketing che puoi utilizzare. Ma ecco quelli che uso.

  • Google Docs: Elaboratore di testi gratuito e facile da usare per scrivere i tuoi articoli.
  • Evernote Web Clipper: Ottimo strumento per creare screenshot annotati.
  • Sinonimi-contrari: Usare le stesse parole ripetutamente può togliere la brillantezza alla tua scrittura.
  • Canva o Crello: I migliori strumenti online per creare immagini personalizzate di alta qualità per il tuo blog e i post dei social media.

4. Effettua una ricerca iniziale per capire l’argomento


Nessuno, compresi i tuoi blogger preferiti, è in grado di scrivere un post dettagliato, funzionale e di alta qualità senza una ricerca approfindita.

Quindi, anche quando ho familiarità con un argomento, passo comunque 30-45 minuti ad esplorare i contenuti più recenti, le discussioni del forum e qualsiasi ricerca o caso di studio rilevante sul mio argomento.

La mia ricerca inizia con alcune ricerche piuttosto ampie su Google per vedere cosa è già pubblicato sull’argomento.

Poi trascorro 15-20 minuti a guardare i post in cima alla classifica sull’argomento per vedere cosa hanno scritto.

Spesso vado fino alla pagina 3 di Google per trovare i post rilevanti.

Mentre esamino questi articoli, prendo nota di tutti i punti unici, di cose che non sapevo sull’argomento o di esempi particolari che mi piacciono.

Ecco le cose su cui mi concentro durante la ricerca sugli articoli

  • L’argomento principale dell’autore e la prospettiva utilizzata per avvicinarsi ad esso
  • Conteggio delle parole dell’articolo e profondità del contenuto
  • Titoli e sottotitoli utilizzati dallo scrittore e le emozioni che ha cercato di evocare.
  • Il tipo di articolo e la sua formattazione (liste puntate, come fare, ecc. e il numero di sezioni/parti dell’articolo)
  • Immagini utilizzate nell’articolo
  • E la cosa più importante, leggo sempre i commenti su un articolo per trovare eventuali domande senza risposta o feedback da parte dei lettori. Questo mi dà ulteriori punti per creare un articolo più prezioso e approfondito.

Poi mi dirigo verso BuzzSumo per trovare gli articoli maggiormente condivisi sul mio argomento. Questo mi dà la possibilità di farmi un’idea del tipo di contenuto più adatto al mio target di riferimento.

buzzsumo

Fonte: BuzzSumo

Presto particolare attenzione alla formattazione e ai titoli degli articoli più condivisi, perché sono due dei principali fattori di coinvolgimento del pubblico.

Come al solito, prendo appunti e segnalibri durante questa ricerca.

Se hai bisogno di aiuto, ecco alcune idee per scrivere post sul tuo blog per iniziare .

5. Ricerca di base sulle parole chiave

Prima di passare alla fase di scrittura, passo 10-15 minuti alla ricerca di parole chiave rilevanti da utilizzare nei miei contenuti.

Quando scrivo un articolo, cerco semplicemente su Google l’argomento principale e studio quanto segue.

  • Google Suggest
  • Ricerca correlate per la mia parola chiave per il mio argomento principale
  • Domande correlate in Google Trends per la mia parola chiave per il mio argomento principale.
  • Annoto le parole chiave che sono rilevanti per il mio argomento e ottengo i loro volumi di ricerca utilizzando Ubersuggest
ubersuggest

Fonte: Ubersuggest

Questo è tutto.

Ora possiamo passare alla fase di scrittura.

7. Dai un titolo alla tua bozza (non il titolo finale)

Nessuno leggerà il tuo articolo a meno che non clicchi sul titolo.

E nessuno farà clic sul tuo titolo se non si distingue dagli altri contenuti nei loro newsfeed di Facebook, nelle timeline di Twitter e nelle caselle di posta elettronica.

In breve, senza creare un titolo convincente, tutti i tuoi contenuti possono andare sprecati.

Le ricerche mostrano che l’80% delle persone guarda solo i titoli degli articoli e solo il 20% clicca sul titolo per leggere l’articolo completo.

crea un titolo per il tuo post sul blog

Fonte: NeilPatel

Inizia il tuo processo di scrittura utilizzando un titolo vago per la bozza del tuo articolo.

Non è il titolo finale, ma coglie l’idea generale del post.

Una volta che hai finito di scrivere e di editare il tuo articolo, torna indietro e riscrivi il titolo fino a quando non sei completamente soddisfatto.

In media, scrivo 5-7 titoli prima di arrivare ai titoli finali.

7. Crea una strutturare per il tuo articolo

Questo è il primo passo per scrivere il tuo articolo.

L’obiettivo di uno schema è quello di dirti esattamente come sarà il tuo articolo una volta pronto.

Cerco però di non renderlo troppo complicato.

Comincio creando le intestazioni per le parti principali del mio post.

Per questo articolo, le tre parti principali sono state le fasi di pre-scrittura, scrittura e post-scrittura.

Dopo di che, ho suddiviso ogni parte in diverse sottovoci.

Crea uno schema di articolo

Niente di speciale, lo so.

Il passo successivo è quello di riempire ciascuna di queste voci e sottovoci con contenuti di alta qualità.

8. Scrivi Ubriaco, Modifica Sobrio

Dopo tutta questa preparazione, sei finalmente pronto a scrivere.

Questo è il passo in cui si possono passare ore a fissare il cursore senza scrivere una sola parola.

Ma con tutti i pre-requisiti che ho descritto sopra, non dovrebbe esserti così difficile tirare fuori il tuo flusso creativo.

Ecco la regola numero uno per scrivere la tua bozza.

Basta scrivere.

Lascia perdere gli errori di ortografia, gli errori di battitura, le strutture delle frasi, le associazioni, le immagini, i link, il SEO e tutto il resto in questo mondo.

Basta scrivere i tuoi pensieri senza interruzioni.

Questo è il significato del famoso detto “Scrivi ubriaco, modifica sobrio“.

Scrivi senza preoccuparti di nient’altro.

Ecco alcune cose a cui devi prestare particolare attenzione mentre scrivi la tua bozza.

Utilizza brevi paragrafi, un linguaggio attivo e un tono di conversazionale

Guarda l’immagine qui sotto e dimmi quale formato sembra più facile da leggere

crea un contenuto facile da leggere con paragrafi

Fonte: TwelveSkip

Quello a sinistra, naturalmente.

Il suo contenuto è suddiviso in più sottotitoli, frasi brevi, brevi paragrafi ed elenchi.

Per questo è molto più facile da scansionare.

Perché è quello che le persone fanno: scansionano, non leggono, il contenuto.

Io seguo le stesse regole.Tutti i miei articoli per i Quick Blogging hanno molti sottotitoli e raramente scrivo più di 3 righe in un paragrafo. Allo stesso modo, evito di usare frasi più lunghe e generalmente cerco di suddividerle in pezzi più corti.

Assicurati inoltre che il tuo articolo parli direttamente con il lettore usando spesso “Tu” e “Io”.

Ricorda che non ti stai rivolgendo a un enorme convegno. Stai scrivendo per una sola persona che sta leggendo il tuo post. Quindi parla direttamente con lui in forma singolare.

8. Inchioda i tuoi lettori con un paragrafo introduttivo

I titoli ti danno dei click, ma i paragrafi introduttivi fanno sì che i lettori rimangano (o se ne vadano immediatamente)

Quindi scrivere un’introduzione convincente è fondamentale per il successo del tuo articolo.

Ma c’è una formula per scrivere le presentazioni? Sì, c’è!

Ecco cosa funziona per me.

Fai un’affermazione audace

Dì qualcosa di così audace da far fermare i tuoi lettori e farli continuare a leggere.

Confronto

Questo tipo di apertura fa sì che il lettore rimanga davvero affascinato dal tuo articolo.

Una volta che hai finito con la parte di apertura del tuo paragrafo introduttivo, vieni subito al punto e racconta chiaramente al lettore di cosa tratta il tuo articolo.

Se la tua apertura diventa troppo lunga, puoi facilmente annoiare i lettori e alla fine perderli.

Per questo motivo, in genere, cerco di limitare le mie introduzioni a 150-200 parole.

Dopo l’introduzione, passa alle sottovoci che hai creato in precedenza nello schema dell’articolo.

Sostieni le tue argomentazioni con dati rilevanti, citazioni e casi di studio

Avrei sicuramente notato che tutti gli articoli su Quick Blogging hanno molti riferimenti di dati, esempi e citazioni di esperti.

Non dico le cose dal nulla.

I miei contenuti non sono basati sulle mie opinioni.

Al contrario, cerco sempre di sostenere le mie argomentazioni con prove innegabili.

Il motivo è ovvio.

I dati e i casi di studio aggiungono peso ai tuoi contenuti, li rendono più credibili e fanno un ottimo lavoro per tenere coinvolti i tuoi lettori.

Sono anche ottimi per ottenere più backlink, come dimostra questo studio.

dati e casi studio sono ottimi per ottenere backlinks

Fonte: SEO PowerSuite

Come posso trovare dati?

Utilizza questi termini di ricerca su Google per trovare dati e casi di studio rilevanti

“il tuo argomento + ricerca”, “argomento + sondaggio”, “argomento + studio”, “argomento + studio”, “argomento + caso studio”, “argomento + esempi”, “argomento + statistiche”, “argomento + statistiche”, “argomento + statistiche”.

Utilizza screenshot, immagini, GIF e infografiche

Come le statistiche, cerca di aggiungere almeno un’immagine, screenshot o GIF ad ogni sottotitolo del tuo articolo.

Consiglio – Usa Evernote Web Clipper per gli screenshot e CloudApp per realizzare GIF animate

Questo è tutto per quanto riguarda la scrittura dei miei articoli.

Una volta finito di scrivere l’articolo, passo alla fase di redazione.

La fase di post scrittura – Modifica e messa a punto dei contenuti

I nuovi blogger e scrittori pensano di essere pronti a pubblicare non appena finiscono la loro prima bozza.

Capisco l’urgenza.

Ma non farlo.

Hai passato ore a creare un articolo ben studiato.

La fase di editing ti aiuterà a trasformarlo in una risorsa impeccabile.

Sei un blogger, non uno scrittore. Devi solo rendere i tuoi contenuti di facile lettura. Questo è l’unico obiettivo della fase di editing per i blogger e gli affiliate marketer.

Ecco le cose che faccio per mettere a punto e lucidare i miei contenuti.

9. Leggi il tuo articolo ad alta voce

Come te, non leggo i contenuti, li scansiono.

Ma non puoi farlo con i tuoi articoli. Devi leggere di nuovo ogni singola parola.

E non solo con gli occhi.

Leggilo ad alta voce.

È incredibile quanti errori di battitura, punteggiatura e grammaticali si possono ignorare quando si legge solo con gli occhi.

Leggere ad alta voce ti fa esaminare più da vicino i tuoi contenuti e ti dice come suonano ai lettori.

Ho letto i miei articoli almeno 3 volte durante la fase di editing per controllare le solite cose come gli errori di ortografia e di grammatica.

Ma guardo anche a come posso migliorare le frasi, renderle più brevi e convincenti e prestare particolare attenzione alla al tono di vice dei miei contenuti.

La tua prima bozza avrà probabilmente molte parole e ripetizioni inutili.

Utilizza la fase di editing per riformularle o rimuoverle completamente.

10. Aggiungi link e riferimenti mancanti

Mentre leggi il tuo articolo ad alta voce, troverai casi in cui hai menzionato un brand o citato uno studio senza collegarti ad esso.

Ora è il momento di rimediare.

Assicurati che tutte le tue immagini, le citazioni, i casi di studio o qualsiasi altro contenuto esterno siano stati stati adeguatamente segnalati.

11. Aggiungi collegamenti interni ed esterni

Utilizza spesso i link interni per esporre i contenuti più vecchi del tuo sito ai tuoi lettori e per aiutare gli spider a cercare più velocemente i tuoi contenuti.

I link interni migliorano sia l’esperienza dell’utente che le prospettive SEO del tuo sito trasferendo il succo di link dalle pagine di autorità superiore del tuo sito a quelle più deboli.

link-interni

Allo stesso modo, puoi aggiungere link in uscita ad altri siti di alta autorità. I link in uscita non sono dannosi per il tuo sito, a meno che non puntino a un sito web di bassa qualità.

Infatti, uno studio di Search Engine Journal ha scoperto che i link in uscita verso i siti più consolidati del tuo settore migliorano effettivamente il tuo posizionamento.

12. Cerca ulteriori opportunità SEO On-Page

Ricordi le parole chiave che ho cercato nella fase di pre-scrittura?

Beh, è ora di usarle.

Ecco le cose che faccio

  • Aggiungo la parola chiave primaria al titolo dell’articolo
  • Utilizzo la parola chiave nell’URL dell’articolo
  • Utilizzo la parola chiave in almeno un paio di sottovoci
  • Utilizzo le variazioni della parola chiave in 1-2 sottovoci
  • Utilizzo le parole chiave correlate in 1-2 sottovoci
  • Utilizzo la parola chiave dell’argomento principale nel paragrafo introduttivo.
  • Utilizzo le variazioni della parola chiave principale in tutto il corpo del testo
  • Utilizzo la parola chiave verso la fine del post
  • Utilizzo la parole chiave nell’Alt-Text di tutte le immagini utilizzate nel post
  • Inoltre, creo sempre una breve e avvincente meta-descrizione per i miei articoli (uso il plugin Yoast SEO).

Ulteriori letture: Google SEO 2020: Guida Completa SEO Per Principianti

Pronto a scrivere il tuo prossimo post di alta qualità?

Ho vuotato il sacco in questo post e ti ho detto tutto quello che faccio dietro le quinte.

Dalla ricerca alla scrittura, dalla creazione di immagini al montaggio, ho condiviso tutto il mio processo per scrivere un post di blog ben studiato.

È ora di agire.

Segui i passi che ho condiviso in questo post e non c’è motivo per cui non puoi creare contenuti di alta qualità.

newsletter

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER GLI AGGIORNAMENTI

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.


Leave a Reply