Perché il mio sito non compare su Google?

Perché il mio sito non è elencato su Google? Scopri perché un sito non è nell'indice di Google può essere fatto con un processo di eliminazione.

Leggi di più

Una domanda comune che mi viene posta è: perché il mio sito non è presente su Google? Di solito ci sono alcune semplici risposte a questa domanda e questo tutorial ne illustra la maggior parte.

Scoprire perché un sito non è nell’indice di Google può essere fatto con un processo di eliminazione.

Ecco i passi che puoi fare per scoprire perché un sito non è su Google:

Controlla se un sito è nell’indice di Google

La prima cosa che devi controllare è se il tuo sito è stato indicizzato da Google. Il modo più semplice per farlo è usare il site: il comando in Google stesso.

Vai su Google e digita l’URL del tuo sito:

site:www.miosito.com

(Se si desidera controllare un particolare URL o una particolare pagina, è possibile digitare nel site:miosito.com/a-page.html)

Se Google non restituisce alcun risultato, significa che non sei nell’indice di ricerca. Se hai dei risultati allora significa che lo sei.

Se non sei nei risultati della ricerca, allora dovrai procedere ai passi successivi per risolvere questo problema.

Controlla di non bloccare i crawler di Google

Google invia crawler (o spider dei motori di ricerca) in giro per Internet per trovare link a pagine web. Quando trova pagine che ritiene conformi alle sue linee guida di qualità, le aggiunge al suo indice. Se si bloccano i crawler, il sito non verrà indicizzato da Google.

Ci sono due modi in cui il tuo sito può bloccare gli spider dei motori di ricerca:

  1. Utilizzando un file robots.txt per bloccare Google
  2. Utilizzando un tag meta-robot

Un file robots.txt indica ai crawler dei motori di ricerca quali pagine o file il crawler può o non può richiedere dal vostro sito. Vive nella directory principale del tuo sito web, per esempio, https://www.yoursite.com/robots.txt

Se si dispone di un file robots.txt e contiene qualcosa del genere:

User-agent: Googlebot

Disallow: /

allora bloccherà l’indicizzazione del sito da parte di Google. Se vuoi che Google e tutti gli altri motori di ricerca accedano al tuo sito, allora rimuovi semplicemente il file robots.txt.

Come già detto, il secondo modo per bloccare gli spider di Google dall’accesso al tuo sito è quello di utilizzare il tag meta robot. Se si utilizza WordPress, allora la creazione/cancellazione di questo può essere gestita dall’interfaccia di amministrazione.

Il tag meta robot si trova nel documento html e prende la forma:

<meta name=’robots’ content=’follow,index’>

Se il tuo tag meta-robot contiene le parole noindex, allora non sarà indicizzato. Per inserire il sito nell’indice di Googles, rimuovere il tag o sostituire la direttiva noindex con la parola indice. Dovrai quindi aspettare che Google faccia il crawl del tuo sito e di tutte le pagine all’interno.

Ancora nessuna fortuna? Prova a fare lo spoofing del user agent

Se le pagine non sembrano bloccate e non sono ancora indicizzate, prova a visitare la pagina durante lo spoofing di un user agent di Google.

Se vuoi vedere come appare il tuo sito dal punto di vista degli spider dei motori di ricerca, allora ci sono diversi plugin del browser che ti permettono di farlo. Uno di questi è User Agent Switcher di Firefox, ma ce ne sono altri a seconda del browser che si utilizza.

Google è a conoscenza del tuo sito?

Se il tuo sito web non è indicizzato e Googlebot non è bloccato, il problema potrebbe essere che Google non conosce il tuo sito.

Se hai un account Google Search Console, puoi rimediare a questo problema inviando i tuoi contenuti a Google. Un account Google Search Console è gratuito per chiunque abbia un account Google. Leggi mia guida su Google Search Console.

Il tuo contenuto è unico?

Per scoprire se il contenuto delle tue pagine è unico, trova un testo a caso sul tuo sito e copialo. Ora incollalo in una ricerca Google tra virgolette. Se trovi un altro sito per la tua stringa di ricerca, potrebbe significare che il tuo contenuto è un contenuto duplicato che non piace a Google.

Ciò significa che il contenuto di questa pagina è più autorevole del tuo e potrebbe far sì che il tuo sito non venga indicizzato.

Hai una sitemap?

Se il tuo sito web non ha una sitemap XML, allora dovresti pensare di aggiungerne una. I motori di ricerca come Google amano le sitemap in quanto forniscono una gerarchia di informazioni per il sito web e quindi ne facilitano l’indicizzazione.

L’aggiunta di una sitemap al tuo account Google Search Console farà in modo che Google conosca ogni pagina del tuo sito.

Hai dei link al tuo sito?

In parole povere, il posizionamento su Google è come un concorso di popolarità. Se il tuo sito è collegato ad altri siti, allora Google ti vedrà come un autorevole.

Se il tuo sito non ha abbastanza link, allora questo potrebbe essere il motivo per cui non sei elencato. Per risolvere questo problema, aggiungi i link al tuo sito da pagine che sono già elencate. Puoi anche aggiungere link interni anche da altre pagine del tuo sito – i link interni non sono buoni come i link esterni, ma indicano a Google che si tratta di pagine importanti.

Se non hai ancora pagine indicizzate dopo aver esaminato tutte le opzioni di cui sopra, potresti aver bisogno di un aiuto extra. Potresti essere stato colpito da sanzioni di Google o essere stato bombardato da link negativi. In questo caso, può essere saggio ricorrere ai servizi di un SEO specialist che può aiutarti a risolvere la tua situazione.

Se hai bisogno di aiuto, scrivimi un messaggio e vedrò se posso aiutarti.

TIENITI AGGIORNATO! ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER.

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.