Ottimizzare la velocità del sito web per il SEO (Guida 2020)

Quando Google decide come classificare le tue pagine nei risultati di ricerca, tiene conto di quanto velocemente (o lentamente) il tuo sito si carica.

Leggi di più

Quando Google decide come classificare le tue pagine nei risultati di ricerca, tiene conto di quanto velocemente (o lentamente) il tuo sito si carica. Google vede la velocità di caricamento come un forte fattore di ranking in quanto sa che i siti più popolari si caricano velocemente.

La velocità di caricamento del sito è stata importante per un buon posizionamento nei motori di ricerca per anni. Google riconosce che anche se un sito sembra promettente nei risultati di ricerca, gli utenti saranno delusi se premeranno il pulsante “indietro” perché il sito ci sta mettendo troppo tempo a caricarsi.

Anche un piccolo ritardo nel tempo necessario per caricare il sito può avere un impatto sul numero di visitatori, sulla visualizzazione degli annunci e sulle conversioni.

Non solo la velocità di caricamento è un fattore che contribuisce al raggiungimento dei primi posti in Google, ma anche i numerosi rapporti del settore hanno dimostrato che per ogni secondo eliminato un sito, c’è un aumento medio del 7% del tasso di conversione del sito.

In altre parole, più veloce è il caricamento del sito, maggiori sono le possibilità che le persone completino una vendita o compilino un modulo di richiesta. Chiaramente questo non è un aspetto del tuo sito da trascurare.

Quanto dovrebbe essere veloce il mio sito?

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che c’è una notevole perdita di traffico se il ritardo è superiore a 3 secondi. Ciò non significa che l’intera pagina dovrebbe caricarsi in 3 secondi, ma il contenuto di base e il layout dovrebbero essere visibili in questo lasso di tempo permettendo ai visitatori di iniziare ad utilizzare la pagina il più velocemente possibile.

Ciò significa che se il tuo sito richiede più di 5 secondi per essere caricato, c’è spazio per migliorare. Se ci vogliono 10 secondi o più, il tempo di caricamento ritardato sta quasi certamente trascinando il tuo sito verso il basso nei risultati di ricerca.

Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di avere il caricamento dei contenuti di base e del design in 2 o 3 secondi, con le immagini rimanenti e il caricamento dinamico dei contenuti nei secondi successivi.

Prova il tuo sito per la velocità

Il modo migliore per testare la velocità del tuo sito è utilizzare Google Page Speed Insights. Questo strumento gratuito ti darà un punteggio di caricamento della pagina su 100. Puoi vedere quanto la tua velocità di caricamento sia buona rispetto ad altri siti. Puoi anche vedere quanto bene il tuo sito si carica su mobile e desktop. I punteggi più vicini a 100 sono quasi perfetti.   

Dopo aver eseguito un test sul tuo sito, lo strumento ti darà una lista di aree ad alta priorità, media priorità e bassa priorità per il miglioramento. Puoi inoltrarli al tuo sviluppatore per velocizzare il tuo sito, oppure, se sei un po’ fissato con la tecnologia, puoi avere una possibilità di sistemarli da solo.

Rimuovere i plugin e i widget non necessari

Se stai usando un sistema di gestione dei contenuti come WordPress, fai attenzione a non usare troppi plugin, perché questi possono rallentare drasticamente il tuo sito.

I widget sono spesso uno dei più grandi mangiatori di larghezza di banda su un sito, quindi la riduzione del numero utilizzato migliorerà in modo rapido e drastico i tempi di caricamento del sito.

Alcuni widget sono utili, ma su molti siti la barra laterale finisce per essere una raccolta di ornamenti a caricamento lento che non contribuiscono in alcun modo all’esperienza dell’utente. Tutti questi pannelli di Tweet, Facebook e altre “news” potrebbero sembrare belli, ma poiché i widget estraggono dati da siti esterni, sono quasi sempre gli elementi più lenti nel caricamento di una pagina.

Avere troppi widget tende anche a far sembrare un sito come un blog personale amatoriale. Sii spietato. Elimina tutto ciò che non è essenziale.

Ulteriori letture:

Comprimere i file multimediali per un caricamento più veloce delle pagine.

Non c’è dubbio che un buon uso delle immagini può davvero aiutare a dare vita al tuo sito e a diffondere il tuo messaggio, per non parlare dell’aumento della “condivisibilità” sui social network, ma fai attenzione a non esagerare.

La chiave per ottimizzare le immagini è assicurarsi che ognuna di esse serva a uno scopo utile e che la dimensione del file sia la più piccola possibile.

Se stai creando le tue immagini, usa quanta più compressione possibile prima che la qualità inizi a degradarsi. Non c’è differenza visiva tra un’immagine JPEG esportata al 100% e una esportata all’85%, ma la differenza nella dimensione del file può essere enorme.

Allo stesso modo, utilizza il formato migliore per il tipo di immagine. La fotografia ha un aspetto migliore come JPEG. La maggior parte degli altri tipi di immagini hanno un aspetto migliore e hanno una dimensione di file più piccola, quando vengono esportate come PNG.

Ulteriori lettura:

Minificare i file HTML, CSS e Javascript

Anche il codice web più ordinato ha degli spazi extra e delle interruzioni di linea. Minificare il codice significa eliminare tutti questi extra in HTML, CSS, Javascript e altri file.

Potrebbe non sembrare una cosa che potrebbe avere un grande impatto sul tempo di caricamento dei file, ma minificare il codice può dare un incremento di velocità tra il 10 e il 30%.

Ulteriori letture:

Utilizzare un Web Hosting affidabile e veloce

Le altre tecniche di questa sezione non saranno così efficaci come dovrebbero essere se il tuo web hosting è lento e non è in grado di inviare le pagine ai visitatori rapidamente.

La velocità è spesso un problema di hosting condiviso a buon mercato, non ottimizzato, perché migliaia di siti sono stipati su un unico server. Ciò significa che solo pochi siti occupati o mal gestiti possono monopolizzare troppa potenza del server e tempi di risposta lenti per voi e tutti gli altri sullo stesso server.

I servizi di hosting gratuiti soffrono dello stesso problema, ma su scala più ampia. Poiché nessuno paga per il servizio, un numero ancora maggiore di siti è stipato nei server per contenere i costi.

Per non parlare del fatto che l’hosting gratuito di solito pubblica annunci sul tuo sito e non ti permette di usare il tuo nome di dominio (un grosso svantaggio per il SEO).

Ulteriori letture:

Utilizzare una rete di distribuzione di contenuti (CDN)

Con il web hosting standard, una copia del tuo sito si trova su un server, ad esempio, a Londra. Quanto più un utente non proviene da Londra, tanto più lento sarà il caricamento del sito, perché i file devono viaggiare più lontano su Internet.

Le distanze non devono essere necessariamente così grandi per fare una differenza misurabile. Qualsiasi cosa che superi le diverse centinaia di miglia causerà un notevole ritardo, con gli utenti di un continente diverso dal server che subiranno ritardi ancora maggiori.

Con una Content Delivery Network, più copie del tuo sito sono ospitate su una rete di server in tutto il mondo. Invece di tutte le connessioni che passano per Londra, gli utenti si collegano alla rete più vicina. Ciò offre un enorme miglioramento dei tempi di caricamento.

Altre aree per ottimizzare il tuo sito per la velocità

Potresti voler dare un’occhiata ad alcuni dei seguenti suggerimenti che ti aiuteranno a velocizzare il tuo sito:

  • Stai lontano dagli splash screen video.
  • Utilizzare i file multimediali solo quando è necessario.
  • Assicurati di descrivere la tua grafica, i tuoi video e i tuoi file audio.
  • Per i contenuti audio e video, fornire trascrizioni di testo.
  • Utilizzare le miniature per le immagini di grandi dimensioni.
  • Utilizzare la compressione del server web per le trasmissioni del tuo server web HTML per accelerare la trasmissione per tutti i tuoi clienti, compresi gli spider web dei motori di ricerca.
  • Se si utilizza WordPress, l’installazione di un plugin per la cache può migliorare le prestazioni del sito.

Se il tuo sito richiede molto tempo per essere caricato, è probabile che il tuo sito non sia all’altezza del suo potenziale nei motori di ricerca. Se il tempo di caricamento del tuo sito è nella media, migliorare la velocità di caricamento è un’opportunità per un facile incremento del SEO.

Se hai bisogno di assistenza per affrontare i problemi di velocità del tuo sito web, allora può essere utile utilizzare i servizi di un consulente SEO. Essi possono aiutarti a modernizzare e migliorare il design del tuo sito. 

TIENITI AGGIORNATO! ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER.

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.