Quanto costa aprire un blog nel 2020?

Vuoi evitare di sprecare i tuoi soldi quando avvii un blog da zero? Scopri quanto dovrebbe costarti creare un blog con gli strumenti necessari di cui hai realmente bisogno.
Quanto costa aprire un blog

Penso che sarai d’accordo con me su questo: Quando si avvia un blog, non si vuole sprecare denaro per strumenti di cui non si ha bisogno. Come si può creare un blog di successo rispettando il budget? Quanto costa DAVVERI aprire un blog nel 2020?

Fortunatamente, ci sono alcuni consigli utili per trovare i migliori strumenti di blogging di cui hai bisogno per creare un blog. Per risparmiare il più possibile tempo e denaro, devi concentrarti su come investire saggiamente il tuo denaro in strumenti che ti ripagheranno.

In questo post, ti mostrerò esattamente quanto costa avviare un blog senza inutili fronzoli. Imparerai esattamente di quali strumenti hai bisogno per costruire un blog di successo partendo da zero senza sprecare un centesimo per cose che non ti servono.

Avviare un blog per fare soldi è ancora uno dei modi più economici per avviare un’attività online e guadagnare un reddito a tempo pieno in futuro. Non succederà da un giorno all’altro e devi metterci un sacco di lavoro. Ma credimi, i tuoi sforzi ti ripagheranno.

Continua a leggere!

Puoi aprire un blog gratis?

Tecnicamente parlando, è possibile avviare un blog gratuitamente. Chiunque può iscriversi a una piattaforma di blogging gratuita e iniziare a scrivere su un argomento che vuole condividere con il mondo.

Tuttavia, se vuoi trasformare il tuo blog in un business e fare soldi bloggando, questo non funzionerà.

Il problema maggiore con le piattaforme di blogging gratuite è che non hai alcun controllo sul tuo blog.

Il tuo blog potrebbe essere chiuso, la piattaforma di blogging potrebbe essere venduta e perderesti tutti i tuoi contenuti in una notte senza preavviso. E naturalmente, anche tutto il tuo traffico e i tuoi fedeli lettori se ne andrebbero.

Su piattaforme di blogging gratuite, non possiedi né i tuoi contenuti né il tuo traffico. Tutto il traffico che ricevi punti a un URL che non è veramente tuo.

Ad esempio, se blogghi su WordPress.com, l’URL del tuo blog sarà qualcosa come

tuoblog.wordpress.com

Capisci cosa intendo?

Tutto il tuo traffico punta a wordpress.com.

Un altro grande difetto delle piattaforme di blogging gratuite è questo: nessuno prenderà il tuo blog sul serio. Se vuoi monetizzare il tuo blog e creare un business online di successo, vuoi costruire un marchio affidabile e credibile. L’unico modo per farlo è quello di avviare un blog autogestito fin dall’inizio.

Prima di tutto: il tuo blog è il tuo business

Si’, proprio cosi’. Se vuoi diventare un blogger di successo, dovresti pensare al tuo blog come a un business. A partire da ora!

Fidati, questo è ciò che ti distingue da tutti i blogger hobbisti in circolazione. Se tratti il tuo blog come se fosse un hobby proprio come loro, non farai mai soldi bloggando. Semplicissimo.

Quindi, come qualsiasi altra nuova attività, devi essere pronto a spendere qualche soldo per iniziare. E non fraintendermi: Non voglio che tu spenda soldi per il tuo blog. Dovresti invece investire dei soldi.

La differenza tra le due cose?

Spendere denaro significa spenderlo mentre investire significa che in futuro, ad un certo punto, avrai i soldi indietro.

Pertanto, gli strumenti che vedremo in questo post si ripagheranno da soli alla fine. Devi solo sapere quali strumenti ti servono davvero e quali invece dovresti mettere da parte per il futuro.

Cominciamo!

7 strumenti di blogging essenziali che ti aiuteranno ad avviare un blog nel 2020 e a fare soldi online

1: Nome a dominio (€ 10 all’anno)

Un nome di dominio è fondamentalmente il nome del tuo blog. È quello che i tuoi lettori vedranno nella barra degli indirizzi URL dei loro browser quando visiteranno il tuo blog, in questo modo:

nome-di-dominio

Detto questo, il nome di dominio del tuo blog sarà il tuo brand, più o meno. Dovresti renderlo memorabile e facile da leggere.

Articoli correlati: Come scegliere un nome di dominio vincente (10 consigli efficaci)

Un nome di dominio di solito costa circa 10-15 euro all’anno. È un servizio ricorrente, quindi rinnoverai sempre la tua registrazione ogni anno.

Ciò significa che non possederai mai il tuo dominio per sempre. Invece, lo “affitti” per un determinato periodo di tempo mantenendo il diritto di utilizzarlo per il tuo blog.

Registrare un nome di dominio è semplicissimo, anche se non hai alcuna esperienza tecnica nell’avvio di un sito web o di un blog.

Puoi scegliere tra diversi fornitori di nomi di dominio. Ma se stai cercando di risparmiare qualche dollaro e ottenere un nome di dominio gratuito, ti suggerirei di scegliere SiteGround.

Io uso SiteGround per i miei blog e non mi vergogno a raccomandarli al mio lettore. Tra tutti i provider con cui ho lavorato nel corso degli anni, ho avuto la migliore esperienza con SiteGround finora. Il loro setup è super facile e veloce, perfetto per i principianti.

siteground domini

2: Blog Hosting / Web Hosting (€ 35 – € 45 all’anno)

Quando si avvia un blog, è necessario iscriversi al web hosting per dare al proprio blog un posto dove “vivere”.

Un provider di blog hosting ti darà spazio sui loro server web per memorizzare i file del tuo blog. In questo modo, il tuo blog sarà accessibile a chiunque utilizzi Internet.

Se questo suona come un linguaggio troppo tecnico, non preoccuparti.

Non hai bisogno di conoscenze tecniche per creare il tuo account di blog hosting. Tutto quello che devi sapere è che il blog hosting è necessario per costruire un brand online di successo e fare soldi bloggando.

Il miglior fornitore di blog hosting che ho usato negli ultimi anni è SiteGround. Il loro servizio è sempre al top, con grandi prestazioni ad un prezzo accessibile.  Ecco perché sono felice di consigliarli anche a te. Il loro processo di configurazione di 10 minuti è incredibilmente facile, anche se non hai mai aperto un blog prima d’ora.

Ancora più importante, SiteGround offre un ottimo rapporto qualità-prezzo.  Ho persino negoziato un accordo speciale per l’hosting del blog per i miei lettori, per aiutarti a risparmiare:

Attraverso Quick Blogging, si ottiene l’accesso a un piano di hosting esclusivo a partire da soli € 3,95 al mese.  E questo include un nome di dominio GRATUITO per il tuo blog – il tutto per soli € 48 all’anno.

3: Software di blogging WordPress (gratuito!)

Quando avrai registrato il tuo nome di dominio e ti sarai iscritto al blog hosting, avrai bisogno di un software di blogging con cui creare il tuo blog.

Che cos’è un software di blogging?

Un software di blogging è semplicemente un software che ti permette di costruire e gestire il tuo blog.

Ad esempio, consente di creare pagine, scrivere post sul blog, caricare file di immagini e moderare i commenti dei lettori.

Utilizza il tuo software di blogging direttamente accedendo al tuo blog online con un nome utente e una password che ottieni dal tuo blog hosting provider.

Il miglior software di blogging disponibile è WordPress.org. È la piattaforma di blogging più popolare e potente – in tutto il mondo:

CMS-Market-Shares
WordPress è di gran lunga il software di blogging più popolare e potente al mondo: circa il 60% di tutti i blog utilizzano WordPress come piattaforma di blogging.

Articoli correlati: Qual è la differenza tra WordPress.com e WordPress.org?

La parte migliore?

WordPress.org è gratuito al 100%!

Inoltre, è super facile da installare e da usare. Se scegli di ospitare il tuo blog su SiteGround, installano automaticamente WordPress per te. Così, una volta terminato il processo di iscrizione, hai già un blog WordPress completamente funzionante.

4: Tema WordPress per il blog (€ 40 – € 90)

Ora dovresti avere tutto pronto con il tuo dominio, l’hosting e il software di blogging. Ottimo lavoro!

Il prossimo punto da considerare è come personalizzare il design e l’aspetto del tuo blog. Probabilmente avrai un’idea di come vorresti che il tuo blog apparisse ai tuoi lettori? Forse hai già pensato ad alcuni colori o font?

Per personalizzare il design del tuo blog WordPress, hai bisogno di un tema WordPress. Ci sono innumerevoli temi tra cui scegliere, quindi questo passo potrebbe sembrare un po’ impegnativo per molti blogger principianti.

La mia raccomandazione è quella di utilizzare un tema WordPress a pagamento e premium fin dall’inizio. Ci sono temi gratuiti che si possono utilizzare, anche, ma hanno opzioni di personalizzazione limitate e scarsa assistenza clienti per rispondere alle tue domande.

Non stiamo parlando di un investimento enorme, considerando che si può usare lo stesso tema per anni. Dai un’occhiata ai temi principali di WordPress su Themeforest, per esempio – puoi ordinare i temi più popolari in base al prezzo, alle valutazioni o ai download:

cerca il tuo tema wordpress su themeforest

Il miglior tema WordPress che ti farà risparmiare tempo:

Uso il tema Divi Theme per quasi tutti i blog e i siti web che costruisco in questi giorni. E’ facilissimo da impostare e molto adatto ai principianti, anche se è uno dei temi WordPress più potenti e personalizzabili disponibili.

divi theme

Quando ottieni una licenza per Divi, hai anche accesso a circa 80 altri temi di Elegant Themes, più un paio di utili plugin, come il plugin di email marketing Bloom per costruire moduli opt-in per il tuo blog.

5: Condivisione dei social media (GRATIS)

Una volta che hai personalizzato il design del tuo blog e inizi a scrivere i tuoi primi post, è il momento di aggiungere i pulsanti di condivisione dei social media al tuo blog. Ti aiuteranno a far crescere il tuo blog permettendo ai tuoi lettori di condividere più facilmente i tuoi articoli sui social network.

Il modo migliore per aggiungere pulsanti di condivisione dei social media ai tuoi post del blog è utilizzare un plugin per WordPress.

Anche in questo caso, avrai a disposizione alcune opzioni tra cui scegliere. La mia raccomandazione numero 1 è il plugin Social Warfare, che puoi ottenere gratuitamente. È facile da impostare e personalizzare.

Inoltre, i pulsanti di condivisione sono fantastici su ogni blog:

social warfare

Social Warfare ha anche una versione a pagamento. Se hai qualche euro in più che puoi investire, sentiti libero di passare alla versione a pagamento. Ma in caso contrario, non preoccuparti. La versione gratuita è perfetta per iniziare con un budget ridotto – l’ho fatto anch’io all’inizio.

6: Strumenti di email marketing (GRATIS)

L’email marketing può diventare il tuo modo più importante per monetizzare il tuo blog in futuro. Pertanto, è necessario assicurarsi di scegliere gli strumenti giusti fin dall’inizio.

L’idea alla base dell’email marketing è quella di raccogliere gli indirizzi e-mail dei tuoi lettori. In questo modo, avrai un canale diretto per contattarli in futuro.

Puoi entrare in contatto e costruire la fiducia con loro utilizzando le email. In seguito, una volta stabilito un rapporto di fiducia con loro, puoi iniziare a fare soldi bloggando promuovendo i tuoi prodotti o servizi ai tuoi abbonati di posta elettronica.

I migliori strumenti di email marketing in circolazione sono:

MailChimp (GRATIS)

Puoi iniziare subito a utilizzare MailChimp gratuitamente. Il loro piano gratuito consente di inviare 12.000 e-mail al mese a un massimo di 2.000 abbonati. Dovrebbe coprire le tue esigenze di email marketing per almeno qualche mese.

MailerLite (GRATIS)

Se vuoi costruire un blog a sei cifre, hai bisogno di un solido strumento di email marketing fin dall’inizio. MailerLite è il miglior provider sul mercato al giorno d’oggi, e costruisce i suoi strumenti specifici per i blogger.

Inutile dire che MailerLite funziona a meraviglia e ha un supporto incredibile per aiutarti a raggiungere risultati migliori passo dopo passo. Uso i loro strumenti per gestire mailing list e sistemi grandi e complessi.

Se vuoi davvero fare soldi bloggando, vai con MailerLite per impostare le cose in modo corretto fin dal primo giorno. La loro offerta offre un piano gratuito al 100% che puoi usare fin da subito.

mailer lite
Crea gratuitamente la tua prima lista di email con MailerLite.

7: Strumenti di automazione dei social media (120 euro all’anno)

Se vuoi fare soldi con il tuo blog, devi prima avere gli strumenti giusti per generare traffico massiccio. Voglio dire, se nessuno legge il tuo blog, come potresti farci soldi?

Tuttavia, promuovere i post del tuo blog sui social media rappresenta un sacco di lavoro. L’unico modo per attirare i lettori al tuo blog è essere attivi e coerenti con la condivisione e la promozione dei tuoi contenuti sui social network.

Ora, non vuoi perdere tempo con cose che puoi automatizzare facilmente, giusto?

Pertanto, dovresti investire in un solido strumento di pianificazione dei social media. Puoi risparmiare centinaia di ore di lavoro ogni anno lasciando che sia uno strumento di automazione a fare il lavoro duro per te.

Il miglior strumento di automazione dei social media che ti farà risparmiare moltissimo tempo:

La migliore piattaforma per promuovere e far crescere il tuo blog è Pinterest. Ti permette di guadagnare traffico quasi istantaneamente, anche se sei solo all’inizio. Non hai bisogno di migliaia di seguaci o di decine di post del blog per vedere il traffico di Pinterest.

Per aiutarti ad ottenere più traffico possibile con pochissimo sforzo, ti consiglio di usare Tailwind.

tailwind
Tailwind ti permette di programmare e automatizzare i tuoi post di Pinterest e Instagram per far crescere il traffico del tuo blog in meno tempo e con meno sforzo.

Uso Tailwind per automatizzare e programmare circa il 95% dei miei pin su tutti i miei blog. Il bello dell’app è che sa quando dovresti condividere i tuoi contenuti per la massima esposizione.

In altre parole, non devi preoccuparti di pubblicare al momento giusto, perché Tailwind sa già quando il tuo target è attivo su Pinterest.

Sulla base di questi dati, puoi creare un programma intelligente per pubblicare i tuoi pin al momento giusto, ogni volta.

La parte più interessante?

Puoi usare questo link per provare Tailwind gratuitamente per vedere come ti piace. So che ti piacerà, però! È uno dei migliori investimenti che si possono fare quando si avvia un blog per fare soldi. E se scegli un piano annuale, avrai anche 2 mesi gratis.

Considerazioni finali: Quanto costa aprire un blog nel 2020?

Creare un blog per fare soldi online è come avviare un qualsiasi altro business. È necessario fare alcuni investimenti essenziali per aiutarti a fare soldi più velocemente e con meno sforzo.

Tuttavia, il trucco è sapere esattamente quali strumenti sono necessari e quali sono semplicemente “belli da avere”. Io uso tutti gli strumenti di cui abbiamo parlato in questo articolo e sono le pietre miliari per costruire un blog che faccia effettivamente guadagnare soldi.

Ecco un riassunto degli strumenti di blogging che puoi usare per avviare il tuo blog e i loro costi:

Minimo indispensabile = 48 euro all’anno:

  1. Nome di dominioGratuito per i primi 12 mesi con SiteGround (dopo questo € 10 – € 15 all’anno)
  2. Blog HostingA partire da € 48 all’anno con SiteGround
  3. Blogging SoftwareGratuito con SiteGround (WordPress)

Strumenti per risparmiare tempo e fare più soldi:

  1. Tema Premium WordPress Da €40 su Themeforest
  2. Condivisione dei social mediaGratuita con Social Warfare
  3. Email MarketingGratuito con MailerLite, gratuito con MailChimp
  4. Social Media AutomationA partire da 120 euro all’anno con Tailwind

Come regola generale: Quando si investe in qualcosa, poniti una domanda:

Questo strumento mi aiuterà a raggiungere i miei obiettivi di blogging più velocemente e più facilmente?

Se sì, allora pensa a quanto tempo e denaro risparmierai usando questo strumento. Secondo la mia esperienza, la maggior parte degli investimenti si ripaga molto più velocemente di quanto si pensi.

Per esempio: dopo aver finito la mia prova Tailwind, ho deciso di acquistare una licenza per risparmiare tempo e scrivere più contenuti per il mio blog. Nel giro di un paio di settimane, avevo già ammortizzato l’investimento iniziale grazie alla crescita del traffico via Tailwind.

E questo è stato solo l’inizio di tutto – il mio traffico di Pinterest da Tailwind è ancora in crescita, senza alcuna fine in vista.

Va bene, sai una cosa? Ora tocca a te!

Se non hai ancora avviato il tuo blog, vai alla mia guida passo-passo su come creare un blog WordPress in soli 15 minuti.

Se ti è piaciuto questo articolo su quanto costa aprire un blog, lasciami un commento nei commenti qui sotto!

P.S. Se hai trovato utile questo articolo, ti sarei grato se lo condividessi anche con gli altri! Grazie mille!

Ci vediamo nel prossimo articolo! Buon blog!

– Riccardo

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PER GLI AGGIORNAMENTI

Se ti piacciono gli articoli di quickblogging.it iscriviti alla newsletter! Riceverai i nuovi articoli pubblicati sul sito ed offerte dedicate agli iscritti.